Home Neonato

I neonati percepiscono il solletico in modo diverso da noi

di Luisa Perego - 21.10.2015 - Scrivici

bambinosolletico.600
Fonte: Alamy.com
Il senso del tatto dei bimbi è "scollegato" fino ai sei mesi di vita. Quindi, quando fai il solletico a un neonato, il piccolo prova una sensazione differente rispetto quello che immagini tu. I bambini non sono ancora in grado di collegare la sensazione del tocco con l'oggetto o la persona che li sta toccando...

I piedini dei bimbi sono irresistibili. Da accarezzare, toccare, solleticare. Ma la sensazione che prova il piccolo, è diversa da quello che ti immagini. In base a una nuova ricerca, il senso del tatto del neonato è ancora immaturo, quindi fino ai sei mesi proverà quella sensazione, ma non sarà in grado di associarla a te o al mondo esterno. Questo è quanto dimostra una ricerca pubblicata su Current Biology.

Fino ai sei mesi, il solletico è una sensazione nel suo corpo

Come hanno fatto i ricercatori ad accorgersene? Con un semplice esperimento: facendo il solletico a dei neonati con le gambine incrociate. Fino ai sei mesi circa di età, i neonati sono meno sensibili a un'illusione nella quale tutti noi cadiamo: quando incrociamo gambe o braccia, facciamo più fatica a stabilire da dove proviene un determinato stimolo tattile.

Sottoposti al "solletico" a piedini incrociati, neonati di quattro mesi hanno identificato correttamente l'arto stimolato nel 70% dei casi; neonati di sei mesi, solo la metà delle volte.

Che cosa significa questo? Secondo i ricercatori questa reazione anomala proverebbe che, nei primi mesi di vita, i neonato percepiscono il senso del tatto in modo legato al sé, e non come un'interazione con il mondo esterno. Quindi per il tuo piccolo, non sei tu a fargli il solletico...

Come sostiene Andrew Bremner di Goldsmiths, University of London: "Crediamo [questo significa] che circa prima i sei mesi di età i neonati percepiscano il tocco sulla loro pelle come qualcosa del loro corpo, non del mondo esterno".

solletico bambino

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli