Salute

La presenza della mamma allevia il dolore dei bambini

presenzamamma
19 Novembre 2014
Se un piccolo sta soffrendo basta la sola presenza della sua mamma per alleviare il dolore. E' la scoperta fatta dai ricercatori della New York University School of Medicine (Usa) che avvertono come lo studio potrebbe essere utile per aiutare i bambini che soffrono senza ricorrere a medicine potenzialmente pericolose.
Facebook Twitter Google Plus More

La presenza della mamma allevia il dolore in un piccolo che sta soffrendo.

E questo avverrebbe perché si altera l'attività dei geni nella parte del cervello che gestisce le emozioni. Questo è il risultato di un nuovo studio della New York University School of Medicine (Usa).


L'esperimento ha analizzato l'attività dei geni nel cervello dei ratti appena nati quando la mamma era presente e quando era assente.
I ricercatori hanno scoperto che diversi centinaia di geni erano più o meno attivi nei piccoli ratti mentre provavano un dolore rispetto a quelli senza dolore. Ma in presenza delle loro madri i geni attivi erano meno di 100.


Secondo la ricercatrice e neurobiologa Regina Sullivan, si tratta della prima ricerca che mostra gli effetti a breve termine delle cure materne sul cervello di un neonato che sta soffrendo. 
"Il nostro studio dimostra che una madre quando conforta il suo bambino che sta provando dolore non si limita a suscitare una risposta comportamentale, ma anche modifica i circuiti neurali coinvolti  nello sviluppo del cervello", dice Sullivan. 


Questa ricerca è importante perché a un piccolo che soffre non si possono dare farmaci oppiacei, troppo pericolosi a causa delle loro proprietà di dipendenza ed è quindi fondamentale trovare sistemi alternativi e uno di questi potrebbe essere la presenza materna o altri segnali della sua presenza come l'odore della mamma.

 

La Sullivan avverte che la presenza forte e rassicurante della mamma oltre ad avere un beneficio a breve termine nei momenti di dolore dei piccoli, ha anche dei benefici importanti sul lungo termine. 

 

"Più impariamo a conoscere come cresce il cervello di un bambino durante l'infanzia, più saremo preparati ad affrontare a lungo termine  i problemi che derivano dolore e da esperienze di abusi fisici e mentali durante l'infanzia" conclude la Sullivan.

 

Leggi anche Amore materno, 5 consigli per costruire un buon legame affettivo con il proprio bambino