Home Neonato Nanna

Dormire con neonato addosso, sì o no?

di Sveva Galassi - 30.11.2021 - Scrivici

sonno-neonato
Fonte: shutterstock
Dormire con neonato addosso: sì o no? Ci sono rischi? E come facilitare il distacco e il passaggio alla culla? Scopriamo di più al riguardo.

Ci sono moltissimi neonati che si addormentano soltanto quando sono tra le braccia dei genitori. Ciò è legato al fatto che si sentono rassicurati quando sono a contatto con la mamma o con il papà.

I neogenitori si ritrovano frequentemente con i bebè addormentati addosso e spesso può anche capitare che gli adulti stessi siano stanchi o che abbiano sonno. Occorre fare attenzione a quest'ultima eventualità, che può comportare dei rischi per il bebè. Ma, a tal proposito, qual è il rischio maggiore? E come abituare il bebè alla culla o al lettino? Scopriamo di più al riguardo.

In questo articolo

Neonato sempre in braccio

Il neonato vuole stare sempre in braccio alla mamma o alla papà e si addormenta soltanto così: è normale? 

Alessandra Bortolotti, psicologa perinatale, che si occupa da anni di puericultura, parto e allattamento, nel suo libro E se poi prende il vizio? (Il Leone Verde), afferma che tenere in braccio il neonato (o bambino piccolo) significa rispondere a un suo bisogno naturale e fisiologico, molto importante per la sua crescita sana e serena.

Il tatto è il primo senso che si forma e, attraverso la pelle, le 'informazioni' arrivano al cervello. La pelle è l'organo del nostro corpo che si sviluppa per primo e ha maggiori connessioni con il sistema nervoso centrale. Il bisogno di contatto garantisce al bimbo la sopravvivenza fuori dalla pancia. 

Secondo la scrittrice, il bisogno di contatto per il neonato sarebbe anche superiore a quello di nutrimento. Inoltre la psicologa sottolinea il fatto che non esiste la preoccupazione per i genitori di dare "troppo contatto fisico": è invece un normale bisogno fisiologico che si modifica a seconda dell'età. 

Dunque, il bambino tra la braccia dei genitori si sente più rilassato e sereno, ed è per questo motivo che riesce ad addormentarsi più facilmente.

Come abituare il bebè alla culla o al lettino?

Molti genitori notano che il bebè (o bambino piccolo) non si addormenta se non è tra le braccia di mamma o papà. Come comportarsi in questo caso?

Secondo la psicologa Alessandra Bortolotti, se il bambino si addormenta in braccio i genitori non devono sentirsi obbligati a cercare modi alternativi per fargli prendere sonno. «Così non li state viziando, ma state semplicemente rispondendo a uno dei bisogno fondamentali del neonato, che è quello di contatto fisico», spiega la dottoressa.

Ecco alcuni suggerimenti per abituare il bebè a prendere sonno nella culla o nel lettino. 

  1. Posizionate la culla nella vostra stanza da letto. Mettete la culla nella stessa stanza da letto dei genitori, accanto al lettone, addirittura next-to-me o nel letto di mamma e papà (ricordando tutte le cautele del caso): i neonati apprezzano la vicinanza, e dormire nella stessa stanza nei primi 6-12 mesi di vita dei bambini è anche una misura di sicurezza contro la SIDS.
  2. Preparate l'ambiente. La stanza dove dorme il bimbo non deve essere né troppo fredda né troppo calda. Per lo stesso motivo, il bebè non deve essere coperto né troppo né troppo poco. Di notte è importante che l'ambiente sia buio (o con un minimo di luce tenue) e tranquillo. Al contrario, durante i pisolini pomeridiani è opportuno che non ci siano buio e silenzio completi, per aiutare i piccoli alla normale alternanza giorno-notte.
  3. Favorite il rilassamento. Un massaggio o una ninna nanna possono aiutare l'addormentamento nella culla. Ma attenzione: non tutti reagiscono allo stesso modo. Se al vostro piccolo queste "coccole" non piacciono, lasciate perdere. È sempre buona norma, in ogni caso, evitare stimoli eccessivi.
  4. Provate un rituale. I rituali – come la classica sequenza bagnetto, pigiamino, libro – possono dare una mano nell'accompagnare il bambino alla nanna nella culla, ma anche in questo caso non è detto che funzionino per ogni bambino.
  5. Ricordate che non esistono metodi e ricette validi per tutti. E provate ad avere più fiducia nelle vostre competenze di genitori. 

La nanna sempre a pancia in su

Dormire con neonato addosso: sì o no? Meglio di no. Ricordate: è importante che i neonati facciano la nanna sempre a pancia in su. Questo è un consiglio di sicurezza: dormire in posizione supina è la prima strategia fondamentale per ridurre il rischio di SIDS o morte in culla.

Se il neonato è addormentato tra le vostre braccia e voi stessi siete stanchi o avete sonno, adagiate il bebè nella culla a pancia in su: così non ci saranno rischi per il piccolo.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli