sonno

La vita in quarantena vi provoca insonnia? Non siete soli

Di Sara Sirtori
insonnia-in-quarantena
27 aprile 2020
In questi giorni di quarantena soffrite anche voi di insonnia? Ecco alcuni suggerimenti della Dott.ssa Alicia Clark, psicologa, per aiutare tutta la famiglia a dormire bene in questo periodo.

 

Insonnia da quarantena

 

In questi giorni di quarantena, sia i genitori che i bambini si alzano più tardi di mattina, ma non necessariamente perché lo vogliono. Si tratta di insonnia da quarantena: ecco alcuni suggerimenti per aiutare tutta la famiglia a dormire bene in questo periodo.

 

Indice:

 

Indice

 

Il collegamento tra ansia e sonno

 

Tutto diventa una preoccupazione

Sembra che la pandemia da Coronavirus abbia messo sotto sopra tutto ciò che prima consideravamo la normalità: dalle commissioni, a ciò che stiamo mangiando al modo in cui festeggiamo i compleanni. C'è un senso di ipervigilanza e un filo di ansia che è percepibile anche nelle azioni più banali.

Hai appena ritirato la posta? Hai disinfettato la busta, ma ora che fai, disinfetti anche il suo contenuto? Ti sei lavata le mani abbastanza a lungo dopo aver toccato la casella di posta? Tutto diventa una preoccupazione.

E sai cosa succede quando ti preoccupi incessantemente, tutto il giorno, ogni giorno? Il sonno ne risente.

L'ansia e l'insonnia vanno praticamente di pari passo. Secondo la Dott.ssa Alicia Clark,  psicologa a Washington DC e autrice di Hack Your Anxiety, la mancanza di sonno può causare un aumento dell'ansia e, di contro, l'ansia può causare insonnia.

In un momento in cui stiamo facendo del nostro meglio per rimanere in salute, il nostro sonno sta distruggendo il nostro sistema immunitario. Quando dormiamo, il nostro corpo produce e rilascia proteine ​​chiamate citochine, che sono parte integrante nella lotta contro virus e altri microbi. Se non dormiamo, non produciamo citochine, e rimaniamo meno pronti a innescare una risposta immunitaria.

 

Insonnia nei bambini

 

Quanto dovrebbero dormire i bambini?

E non solo gli adulti hanno questo problema. Con le scuole chiuse e le routine quotidiane totalmente cambiate, per non parlare di una diminuzione dell'attività fisica, i bambini si alzano più tardi e potrebbero non dormire bene.

 

L'AAP (American Academy of Pediatrics) raccomanda ai bambini di dormire ogni giorno in base all'età:

 

  • 4-12 mesi: 12-16 ore (compresi i sonnellini)
  •  1-2 anni: 11-14 ore (compresi i sonnellini)
  •  3-5 anni: 10-13 ore (compresi i sonnellini)
  • 6-12 anni: 9-12 ore
  • 13-18 anni: 8-10 ore

 

Consigli per tutta la famiglia per dormire bene

 

Bambini piccoli

Avere una routine per la nanna e un programma di sonno è fondamentale per garantire ai bambini piccoli, dai neonati ai bambini di età scolare, un sonno adeguato, anche se è difficile in questo momento. Un bagno caldo, una storia e un po' di coccole prima di andare a letto, faciliteranno il sonno dei bambini.

 

È inoltre importante includere alcune attività fisica ogni giorno. È facile lasciarsi travolgere dai cambiamenti quotidiani che stiamo affrontando - lavorare da casa, cercare di fare i compiti, pianificare la spesa- ma far fase attività fisica ai bambini è importante sia per il loro lo sviluppo fisico e la loro salute mentale, ma anche per migliorare il sonno.

 

Adolescenti

Gli adolescenti hanno bisogno di dormire più di quanto credano e con l'inizio della pubertà e i cambiamenti biologici che ne derivano, può essere più difficile addormentarsi. Aggiungere lo stress dell'isolamento e l'ansia di una crisi globale può solo esacerbare la loro incapacità di addormentarsi a un'ora decente.

 

Anche gli adolescenti dovrebbero avere una routine serale per favorire il sonno. Ad esempio, abbandonare la tecnologia un'ora prima di andare a letto, offre loro la possibilità di rilassarsi e distendersi da una giornata trascorsa immersi nei social media, lezioni online ecc., per non parlare della luce blu degli schermi che può interrompere la produzione di melatonina e di conseguenza ostacola il sonno.

 

Adulti

Anche i genitori devono riposarsi adeguatamente. La cosa più importante che possiamo fare per le nostre famiglie in questo momento è prenderci cura di noi stessi e questo significa dare la priorità al sonno, non solo per loro, ma anche per noi.

 

Come liberare la mente

 

Quindi cosa possiamo fare per dormire meglio?

Come possiamo dormire meglio quando ci si sente come se il nostro mondo si sgretolasse intorno a noi? Secondo la dottoressa Clark, il trucco per ingannare l'insonnia è mantenere il cervello occupato da un compito che ci possa distrarre.

 

"Sono un grande fan della distrazione", spiega. "Ad esempio contare all'indietro serve per mantenere la mente lievemente concentrata, ma troppo. Il trucco è di impegnare la mente e liberarla, senza incorrere in pensieri che possono portare ansia ".
Anche le app di meditazione e di mindfulness sono ottimi modi per addormentarti o riaddormentarti se ti svegli nel cuore della notte.

Fonte per questo Articolo:

Parents.com