Home Neonato Nanna

Nanna: al neonato serve il silenzio assoluto?

di Niccolò De Rosa - 09.02.2022 - Scrivici

nanna-al-neonato-serve-il-silenzio-assoluto-
Fonte: Shutterstock
Non sempre l'assenza totale di rumore è un requisito imprescindibile per la nanna del bebé. Ecco perché

Il silenzio assoluto è indispensabile per la nanna?

Un'ambiente tranquillo e poco chiassoso è sicuramente l'ideale per dormire, ma quando si tratta della nanna dei neonati serve davvero il silenzio assoluto? La risposta non è così scontata. Infatti, benché, possa sembrare indispensabile per rilassare un bimbo molto piccolo (particolarmente suscettibile agli stimoli esterni), in determinate situazioni la totale assenza di rumore potrebbe abituare il bebè ad addormentarsi solo in determinate condizioni, complicando parecchio il sonno dei bimbi... E dei loro genitori.

Differenze tra il giorno e la notte

I neonati dormono per la maggior parte della giornata, sia di giorno che di notte. Tuttavia ci sono delle differenze tra tempi e modalità tra riposo notturno, che proseguirà anche nelle fasi successive della vita, e il riposo diurno, che col passare del tempo andrà via via a scomparire.

Durante il giorno, infatti, è bene che il bebé dorma in un ambiente consono al sonno, ma gli stessi pediatri sconsigliano di abituarlo al silenzio assoluto, visto che il piccolo deve iniziare presto a distinguere i rumori e le condizioni del giorno, quando c'è luce e il mondo circostante pulsa di vita, rispetto a quelle della notte, così da abituarsi gradualmente (sarà un processo lungo) al fatto che sia solo quest'ultimo il momento dedicato ad un sonno continuo e prolungato. In caso contrario il neonato potrebbe sviluppare un sonno fin troppo leggero e nel tempo faticherà ad addormetarsi.

Durante il dì, pertanto, non è necessario parlare a bassissima voce o spegnere qualsiasi elettrodomestico rumoroso (TV, radio ecc:..): basta assicurarsi che la sola stanza dove il bambino dormirà sia sufficentemente tranquilla.

Di notte si dorme meglio

Quando si fa sera, invece, la musica cambia. Lettaralmente. Qui infatti sì che occorre smorzare le fonti di rumore pertanto, almeno mezz'ora/un'ora prima dell'ora della nanna sarebbe bene evitare musica alta, audio di TV o device troppo forte e via discorrendo. Di notte il silenzio è davvero d'oro, perché aiuta il rilassamento del piccolo, che tenderà quindi a dormire sereno (e magari più a lungo).

Tuttavia, nonostante questi consigli generici, ogni bimbo reagisce in modo differente agli stimoli sonori e ambientali, quindi sta ai genitori comprendere i bisogni dei figli e agire di conseguenza per facilitarne il riposo.

Trucchi per aiutare la nanna

Assodata la necessità di adattarsi alle esigenze del bebé, esistono comunque dei modi per preparare nel modo migliore possibile il piccolo ad una bella dormita.

  • Ninna nanna: cantare una canzonica o parlare dolciemente al bimbo è un ottimo modo per farlo rilassare (e quindi addormentare).
  • Coccole: il contatto fisico è essenziale nei primi mesi di vita. Una coccola, un abbraccio, un massaggio o una semplice carezza faranno sentire il bambino cullato e protetto e riposerà meglio.
  • Bagnetto: anche quando sarà più grandicello, la pulizia del corpo sarà sempre un utilissimo avvicinamento al momento della nanna. Pulito e profumato, il piccolo sarà più rilassato e prenderà sonno più facilmente.
  • Non solo rumori: per rendere confortevole al sonno una stanza non basta ridurre i rumori. Meglio evitare anche fonti di luce troppo intense, profumi esageratamente penetranti e temperature troppo fredde o troppo calde.

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli