Home Neonato Nanna

Nuove raccomandazioni dell’Accademia Americana di Pediatria riguardo alla nanna

di Elena Berti - 07.07.2022 - Scrivici

come-abituare-il-neonato-a-dormire-nella-culla
Fonte: Shutterstock
Nanna, nuove linee guida dell'Accademia Americana di Pediatra, che spiega come far dormire i neonati per evitare il rischio morte in culla

Nanna, nuove linee guida

La nanna è una questione molto dibattuta tra i neo-genitori e per qualche anno. Se ne parla soprattutto perché i piccoli, si sa, dormono poco, e allora ogni stratagemma è valido per guadagnare qualche ora in più di sonno. A volte, però, non si tiene conto dei pericoli. Ecco qualche indicazione sulla nanna, nuove linee guida dell'Accademia Americana di Pediatria.  

In questo articolo

I pericoli della nanna

Non si parla soltanto di morte improvvisa del lattante (SIDS) ma anche di morti legate strettamente al modo in cui i bambini dormono: solo negli Stati Uniti, ogni anno, muoiono circa 3. 500 bambini per motivi legati proprio al sonno. Anche se si può generalmente parlare di morte improvvisa, l'Accademia Americana ci tiene a suddividere in sottocategorie i vari eventi, di cui una parte è sicuramente scatenata dalle condizioni in cui il neonato dorme. Vediamo quindi cosa emerge dall'analisi dei pediatri statunitensi sulla nanna, nuove linee guida e raccomandazioni sul sonno dei più piccoli.

Che cos’è la SIDS

L'acronimo SIDS sta per Sudden Infant Death Syndrome, cioè sindrome della morte improvvisa del lattante. Le cause sono in alcuni casi difficilmente individuabili e prevedibili, ma è stato ormai appurato da numerosi studi sui casi di decessi di neonati in culla che il modo e il luogo in cui dormono sono elementi fondamentali. Si è spesso osservato infatti che alcuni condizioni si ripetevano frequentemente nei casi di SIDS, per questo periodicamente vengono aggiornate le linee guida delle diverse organizzazioni al fine di sensibilizzare i genitori ai rischi di alcune abitudini (anche quelle apparentemente innocue) ed evitare il maggior numero di morti in culla. 

Perché delle nuove raccomandazioni sul sonno dei neonati

Le nuove linee guida sulla nanna sono state appunto stilate dall'American Academy of Pediatry per contrastare il fenomeno piuttosto preoccupante delle morti in culla negli USA. In particolare, sono le famiglie socialmente più in difficoltà a registrare il maggior numero dei casi: condizioni igieniche, spazi angusti, cattive abitudini (fumo, alcol), scarsa informazione sono tra le cause principali per cui i piccoli non dormono nel modo giusto. Ma non soltanto: anche altri fattori possono rappresentare un rischio, come il cosleeping, l'uso di doudou, paracolpi, coperte, il sonno proni e molte altre situazioni che possono sembrare del tutto innocue.  

Cosa dicono le nuove linee guida sulla nanna

Ma veniamo quindi alle raccomandazioni sulla nanna promosse dall'American Academy of Pediatry, che valgono per tutti i genitori: 

  • far dormire sempre i bambini su un materasso duro e piatto (no supporti inclinati) per ridurre il rischio di soffocamento
  • allattare al seno (l'allattamento al seno riduce il rischio di SIDS)
  • far dormire i neonati nella stanza dei genitori, vicino a loro ma NON nello stesso letto, solo in un supporto come lettino o culla fatto appositamente per neonati, per almeno i primi sei mesi di vita
  • togliere qualsiasi oggetto dalla culla o dal lettino: cuscini, coperte, peluche, qualsiasi cosa che possa muoversi e soffocare il bambino nel sonno
  • il ciuccio riduce il rischio di SIDS
  • evitare assolutamente di fumare durante la gravidanza e dopo la nascita
  • evitare assolutamente marijuana, alcol, altre droghe durante la gravidanza e dopo la nascita 
  • evitare di surriscaldare la casa e di coprire troppo il neonato
  • farsi seguire adeguatamente durante la gravidanza
  • vaccinare i bambini secondo le linee guida dei pediatri
  • non affidarsi ai monitor che controllano il respiro per essere più tranquilli e pensare così di evitare il rischio di SIDS
  • far dormire i bambini solo in posizione supina: si può mettere il bambino a pancia in giù per evitare la plagiocefalia, già dal rientro dall'ospedale, per pochi minuti al giorno sotto sorveglianza (mentre sono svegli) e aumentare via via senza mai farli dormire proni

È inoltre importante areare le stanze della casa e in particolare quella in cui dorme il bambino, mentre non ci sono prove del fatto che fasciare il neonato riduca il rischio di SIDS (ma ha sicuramente molti altri benefici).

 

Il rischio di morte in culla è molto più alto quando si mettono in pratica cattive abitudini, anche quelle che ci sembrano più innocue. Se avete un neonato, attenetevi alle raccomandazioni degli esperti, evitate il cosleeping, preferite supporti adeguati e se possibile privilegiate il latte materno.  

Per conoscere nel dettaglio le raccomandazioni dell'AAP: Sleep-Related Infant Deaths: Updated 2022 Recommendations for Reducing Infant Deaths in the Sleep Environment 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli