Home Neonato Nanna

Perché si sveglia quando lo metto nella culla?

di Luisa Perego - 06.07.2022 - Scrivici

culla-2
Fonte: shutterstock
Si è appisolato tra le vostre braccia. Come spostare un bambino addormentato? Perché si sveglia quando lo metti nella culla?

Si sveglia quando lo metto nella culla

Lo stavate allattando e si è addormentato oppure lo stavate cullando dolcemente sperando si appisolasse. Insomma, il bebè dorme e adesso potrebbe essere il vostro momento per riposare, fare la doccia o sistemare due cose in casa rimaste indietro. Come fare però se è tra le vostre braccia? Come metterlo nel lettino o nella culla senza farlo svegliare? A volte sembra quasi che il materasso sia fatto di spilli e che lui senta la vostra distanza. Ecco dieci consigli per, almeno, provarci.

Come spostare un neonato addormentato

  • Cullatelo dolcemente mentre lo appoggiate

Fate movimenti fluidi e impercettibili. Continuate a dondolarlo pian piano verso il basso, fino a quando non arriverete a toccare il materasso. Continuate a ondeggiarlo ancora un po' prima di allenare la presa e allontanarvi.

  • Appoggiate prima il sederino, poi dolcemente la testa

I piccolini hanno una specie di "sensore anti-caduta". Se li spostate bruscamente verso il basso, appoggiando prima la testa e poi il resto, avranno l'impressione di cadere e. . . si sveglieranno. Fate quindi l'opposto. Appoggiate dolcemente prima i piedini, poi il sederino, srotolate la schiena e alla fine, la testa.

  • Se è inverno, avvolgetelo in una copertina prima di farlo addormentare e poi appoggiatelo

Passare dal vostro abbraccio caldo, profumato e sicuro a un materasso gelido è un bel salto. Chi non si sveglierebbe. Provate quindi ad addormetare il neonato già avvolto in una mussolina o in un sacco nanna. Manterrà il tepore del corpo e attutirà lo shock termico.

  • Se è inverno, scaldate prima il materasso con la boule dell'acqua calda

Come prima: il passaggio dalle braccia calde a un materasso freddo è proprio uno shock. Provate quindi a rendere tiepida la sua cullina grazie a una boule dell'acqua calda. Attenzione alla temperatura: non deve essere bollente!

  • Aspettate che sia entrato nel sonno profondo (circa una decina di minuti dopo che ha chiuso gli occhi)

Uno degli errori principali, soprattutto per i genitori con bimbi particolarmente sensibili, è pensare di appoggiare il neonato appena si è addormentato.

Aspettate che sia entrato nel sonno profondo (dovrete attendere solo circa una decina di minuti).  

  • Se inizia ad agitarsi, dondolatelo dando pacche leggere sul sederino

Lo avete appoggiato e sembra svegliarsi? Dondolatelo dolcemente dandogli delle leggere pacche sul sederino.

Anche il suono rilassa e fa dormire. Potete provare cantando una ninna nanna (non importa che siate intonate/i o meno) o con qualche "shhhh". Aiutano ad attutire i rumorini che potrebbero svegliarlo.

  • Pensate prima al braccio più comodo per appoggiarlo

Il braccio destro o il braccio sinistro? Pensate come preferite adagiare il piccolo nella culla una volta addormando e agite di conseguenza prima ancora che si addormenti. Metterlo giù con il braccio sbagliato (che potrebbe anche dipendere da una vostra comodità o da come preferisce dormire il piccolo) è un risveglio quasi assicurato.

Come funziona il sonno dei neonati

Il sonno passa tre fasi:

  1. dormiveglia
  2. sonno tranquillo
  3. sonno attivo

Dormiveglia

E' lo stato che precede  e segue il sonno. Il piccolo si stiracchia, farà facce strane ma lo sguardo sarà assente e con le palpebre quasi abbassate del tutto.

Sonno tranquillo (fase non REM)

E' la fase di sonno tranquillo, il bimbo è rilassato e le palpebre sono completamente abbassate. Non si muove e la respirazione è regolare.

Sonno attivo (fase REM)

E' l'altra metà della fase del sonno. E' una fase riposante nonostante si vedano i movimenti oculari sotto le palpebre (si parla di fase REM, ovvero Rapid Eye Movement, movimento oculare rapido) e anche braccia e gambe potrebbero muoversi.  

Sogna durante il sonno REM? Possibile anche se difficile da dimostrare.

Come si alternano i vari cicli del sonno

Quando dorme

  • il neonato si trova per circa il 50% del tempo in fase REM
  • nei bambini più grandi il sonno REM è più contenuto (fino a scendere al 15% negli adulti).

Il sonno non REM si compone di quattro fasi:

  1. sonnolenza,
  2. sonno leggero
  3. sonno profondo
  4. sonno molto profondo.

Quando il neonato si addormenta attraversa queste quattro fasi in progressione. Torna poi al punto due e entra nella fase di sonno REM.

(1 → 2 → 3 → 4 → 3 → 2 → REM).

Queste fasi si ripetono più volte ed è per questo che il bebè in alcuni momenti dorme come un sasso nonostante i rumori che lo circondano e altre volte è più propenso a svegliarsi al minimo scricchiolio.  

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli