IN TRENO

8 consigli per sopravvivere in treno con un neonato

Di Alice Dutto
ipa_almf5pw9g.600
21 settembre 2018
La parola d'ordine in un viaggio in treno con un bimbo è varietà: dai giochi alla pappa, dalla camminata al coinvolgimento degli altri passeggeri, ecco tanti consigli utili provati dalle autrici di Wannabemum per sopravvivere al viaggio

Per scelta o per necessità, viaggiare in treno con un neonato può essere l'opzione vincente, soprattutto se siete da soli. Ci sono però delle accortezze per evitare che l'esperienza si trasformi in un incubo. Le abbiamo raccolte da un articolo di Wannabemum, il sito utile per orientarsi nel complicato e affascinante mondo dell'accudimento.

 

 

1. Vedi e prevedi

 

Occhio all'orario di partenza e di arrivo: pianificate il viaggio sulla base delle abitudini del vostro pargolo così sarete sicuri di non innervosirlo troppo. Se sapete che non ha problemi a dormire sul passeggino o nell'ovetto, viaggiate in corrispondenza della sua nanna più lunga; altrimenti, prendete il treno quando è sveglio magari, magari quando deve fare la pappa o la merenda per avere un'attività che possa svagarlo un po'.
Sconsigliati i viaggi più lunghi di tre ore e, almeno all'inizio, quelli con i cambi. Un'altra accortezza è quella di prenotare il posto vicino alla porta perché di fronte c'è lo spazio per lasciare aperto il passeggino, senza dare fastidio agli altri passeggeri.

 

 

 


 

 

2. Passeggino e marsupio, i “must”

 

marsupio

 


 

 

3. Viaggiate leggeri

 

pratico zaino

 

 

4. Fatevi accompagnare

 

viaggiare da soli con un neonato

 

 

5. La pappa, prima di tutto

 

allattano al seno

 

artificiale

 

pappa un po' più densa

 

snack

 

 

6. Una borsa del cambio a prova di "bomba"

 

Non dimenticate anche qualche giochino

 

 

 

 

7. A strati

 


Caldo, freddo, o in corrente: sul treno è difficile trovare la giusta temperatura. Per evitare un malanno, vestite il pargolo comodo e a cipolla, senza dimenticare calzette e lenzuolino che vi sarà molto comodo nel momento della nanna o per coprire il getto di aria condizionata diretto proveniente da sotto il finestrino.