IN TRENO

8 consigli per sopravvivere in treno con un neonato

Di Alice Dutto
ipa_almf5pw9g
21 Settembre 2018
La parola d'ordine in un viaggio in treno con un bimbo è varietà: dai giochi alla pappa, dalla camminata al coinvolgimento degli altri passeggeri, ecco tanti consigli utili provati dalle autrici di Wannabemum per sopravvivere al viaggio
Facebook Twitter Google Plus More

Per scelta o per necessità, viaggiare in treno con un neonato può essere l'opzione vincente, soprattutto se siete da soli. Ci sono però delle accortezze per evitare che l'esperienza si trasformi in un incubo. Le abbiamo raccolte da un articolo di Wannabemum, il sito utile per orientarsi nel complicato e affascinante mondo dell'accudimento.

 

1. Vedi e prevedi

Occhio all'orario di partenza e di arrivo: pianificate il viaggio sulla base delle abitudini del vostro pargolo così sarete sicuri di non innervosirlo troppo. Se sapete che non ha problemi a dormire sul passeggino o nell'ovetto, viaggiate in corrispondenza della sua nanna più lunga; altrimenti, prendete il treno quando è sveglio magari, magari quando deve fare la pappa o la merenda per avere un'attività che possa svagarlo un po'.
Sconsigliati i viaggi più lunghi di tre ore e, almeno all'inizio, quelli con i cambi. Un'altra accortezza è quella di prenotare il posto vicino alla porta perché di fronte c'è lo spazio per lasciare aperto il passeggino, senza dare fastidio agli altri passeggeri.
 


2. Passeggino e marsupio, i “must”


A seconda dell'età del bambino, portate con voi la carrozzina, l'ovetto e il passeggino: non solo saranno molto comodi nel caso in cui il bimbo dovesse dormire o giocare (posarli a terra è infatti impensabile e sul sedile può essere pericoloso), ma vi serviranno anche per trasportare la borsa del cambio e dei giochi, senza doverle portare a mano. A questo aggiungete anche il marsupio (o la fascia), comodissimo per addormentare il pupo eccitato ma anche per fare un giretto tra le carrozze e fargli cambiare aria.


3. Viaggiate leggeri


Recuperate l'esperienza del campeggio e fate stare tutto il necessario in un pratico zaino che potrete mettervi sulle spalle, lasciando libere le mani per spingere il passeggino. Ricordate che, eventualmente, ciò che vi manca potrete comprarlo a destinazione.

4. Fatevi accompagnare


Va bene essere forti e indipendenti, ma viaggiare da soli con un neonato può essere sfiancante. Quindi, almeno all'arrivo, fatevi venire a prendere: sarà bello avere qualcuno ad accogliervi e, soprattutto, sarà molto utile per scaricare i bagagli dalla carrozza.

5. La pappa, prima di tutto


Le mamme che allattano al seno hanno vita facile, ma anche dare l'artificiale in treno non è troppo complicato. Dotatevi di un contenitore dove mettere la giusta dose di polvere e di un thermos con l'acqua calda; in alternativa, potete portare un brick di latte liquido da aprire al momento del bisogno (se vi serve scaldarlo portate uno scaldabiberon da viaggio).
Nel caso di bimbi già svezzati, preparate della pappa un po' più densa del solito, per evitare problemi legati al movimento del treno, e conservatela in un thermos. Utile anche portare qualche snack, come una carota o delle fettine di mela da far sgranocchiare al pupo.

6. Una borsa del cambio a prova di "bomba"


Pannolini, traversina, asciugamano, un cambio di vestiti (body incluso), un ciuccio di ricambio (se lo usa) e miliardi di salviette umide che, vedrete, vi serviranno per tutto. Ecco l'occorrente da mettere nella borsa del cambio. Poi informatevi, magari chiedendo al capotreno, perché diversi convogli hanno il fasciatoio nella carrozza 3.
Non dimenticate anche qualche giochino, che vi aiuterà a far passare più in fretta il viaggio al pupo annoiato.
 

7. A strati


Caldo, freddo, o in corrente: sul treno è difficile trovare la giusta temperatura. Per evitare un malanno, vestite il pargolo comodo e a cipolla, senza dimenticare calzette e lenzuolino che vi sarà molto comodo nel momento della nanna o per coprire il getto di aria condizionata diretto proveniente da sotto il finestrino.

8. Fate gruppo


Se quando eravate giovani l'ultimo pensiero era quello di fare amicizia in treno, ora che siete diventati genitori la facilità con cui si fa amicizia con gli altri passeggeri vi tornerà molto utile, soprattutto se siete alla seconda ora di viaggio. Lasciate che i vostri bimbi giochino con gli altri viaggiatori e godetevi qualche attimo di (meritato) riposo.