Home Neonato Post parto

Benessere nel post partum: 10 consigli per la neomamma

di Nicoletta Vuodi - 30.05.2024 - Scrivici

benessere-nel-post-partum
Fonte: Shutterstock
Benessere nel post partum: 10 consigli per la neomamma per prendersi cura della propria salute e costruire un senso di consapevolezza

In questo articolo

Neomamme: come affrontare il post parto

Il periodo post-partum non è sempre un'epoca di benessere per le nuove mamme, come spesso si potrebbe pensare. Le complicazioni durante la gravidanza e il parto possono lasciare segni sia fisici che mentali, richiedendo cure e attenzioni specifiche. È essenziale prestare attenzione alla salute fisica e mentale delle neomamme, riconoscendo i sintomi e garantendo il supporto necessario. Questo non solo favorisce il recupero fisico della madre, ma anche una migliore relazione di cura con il neonato, fondamentale per il suo sviluppo emotivo e cognitivo.

Fondazione Onda ETS e Haleon, leader mondiale nel settore del Consumer Healthcare, uniscono le forze per supportare le neomamme durante il percorso post-partum. Questo momento, noto anche come puerperio, rappresenta una fase cruciale per la salute fisica e emotiva delle neomamme, caratterizzata da cambiamenti significativi e da un periodo di adattamento.

«L'epoca del post-partum è sovente identificata come un periodo di benessere fisico e mentale per la donna, che dopo la ripresa dal parto si trova ad accompagnarsi al nuovo nato pensato in genere come un periodo di grande soddisfazione materna. In realtà il benessere perinatale non è un vantaggio fisiologicamente acquisito, che tutte le donne sperimentano come sovente si immagina. Il periodo del post-partum deve essere infatti attenzionato sia a livello fisico che mentale. Gravidanze che possono esitare in parti complicati possono lasciare conseguenze sia sul piano ostetrico ginecologico sia sul piano psichico. Tutto è superabile con le indicazioni e le cure giuste, ma con tempi e con esiti diversi da quelli che una puerpera normalmente si attende. Portare attenzione alla fisicità della donna neomamma, al suo sentirsi nel corpo che di nuovo cambia, al suo percepire sintomi che vanno riferiti ed indagati, aiuta a costruire un assetto fisico capace di sostenere la cura per il proprio bambino. "Se sto male e non mi curo non sono di aiuto a me stessa e neppure a mio figlio". La medesima cosa si incontra sul piano psichico, sappiamo come i primi mesi di post-partum siano quelli più delicati per la comparsa di sintomi ansiosi o di depressione e come non vadano sottovalutate anche le alterazioni emotive relative alla brusca caduta estroprogestinica, che costituiscono il Baby blues e che si dissolvono entro 7-10 gg dopo il parto. Il benessere mentale della puerpera è importante da proteggere e da attenzionare poiché influisce sulla relazione di cura con il proprio bambino. Non si tratta tanto e solo della capacità di prendersi cura del proprio figlio, di occuparsi dei suoi bisogni primari, quanto di entrare in una graduale sintonizzazione emotiva che permette di costruire quella che viene indicata come una sana relazione di attaccamento che fa evolvere la diade in una sorta di danza armonica e funzionale per il neurosviluppo del proprio bambino».

Roberta Anniverno, Responsabile Centro Psiche Donna, ASST Fatebenefratelli Sacco – Ospedale Macedonio Melloni

Il periodo dopo il parto è estremamente impegnativo. Durante la gravidanza e il parto, il pavimento pelvico subisce notevoli stress, quindi è cruciale seguire i consigli medici al momento della dimissione dall'ospedale. I primi 40 giorni dopo il parto sono delicati per la donna, che si sta riprendendo dalla gravidanza e inizia la fase dell'allattamento, richiedendo una corretta idratazione e alimentazione, spesso integrate con vitamine e minerali. 

La vitamina D, per esempio, svolge un ruolo fondamentale nel regolare i livelli di serotonina nel cervello. Mantenere livelli ottimali di vitamina D attraverso l'esposizione al sole, una dieta equilibrata o integratori può giocare un ruolo importante nella prevenzione della depressione e nel mantenimento del benessere mentale.

Il periodo dopo il parto è molto faticoso per la neomamma, sia in termini fisici che emotivi. A livello fisico, il pavimento pelvico, cioè il piano muscolare che sostiene la pelvi, viene sottoposto a notevole stress già durante la gravidanza e poi durante il parto: importante quindi seguire i consigli di ostetrica e ginecologo al momento della dimissione dall'ospedale. I 40 giorni dopo il parto che vengono chiamati puerperio sono un periodo molto delicato per la vita della donna, che è appena reduce dal periodo della gravidanza. In questo periodo inizia anche la fase dell'allattamento che richiede attenzione dal punto di vista di idratazione e alimentazione; sicuramente in questo periodo, dopo tutta la fatica della gravidanza e del parto, è probabile che ci sia bisogno di integrazioni con vitamine e minerali. Il periodo del post-parto, pur essendo un momento tanto atteso, può anche essere accompagnato da qualche difficoltà emotiva perché il calo degli ormoni porta a un aumento di rischio di una vera e propria depressione. Questa situazione va riconosciuta, affrontata e curata, chiedendo aiuto sia in ospedale che nelle strutture territoriali. La vicinanza e l'ascolto alla neomamma risultano quindi di fondamentale importanza per sostenerla, aiutarla in una corretta alimentazione con una particolare attenzione alla supplementazione, e supportarla psicologicamente per la ripresa di una vita normale».

Irene Cetin, Direttrice Ostetricia Clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano, Professoressa Ordinaria di Ginecologia all'Università degli Studi di Milano.

Un sorriso per le mamme, un progetto per le neomamme

"Un sorriso per le mamme" è un'iniziativa decennale di Fondazione Onda ETS che mira a diffondere la conoscenza della depressione perinatale, supportando concretamente le mamme nel riconoscimento e nella gestione dei disturbi dell'umore durante la gravidanza e il post partum.

Nato nel 2010, il progetto ha visto la creazione di un sito web dedicato, una pagina Facebook e diverse campagne di sensibilizzazione nel corso degli anni.

Il sito offre informazioni dettagliate e strumenti pratici per affrontare ansia e depressione perinatale, oltre a un elenco di centri e associazioni censiti nella sezione "Trova Aiuto". Questa rete, composta da oltre 80 enti sul territorio, fornisce un sostegno concreto alle neomamme.

Nel 2018, Fondazione Onda ha rilanciato la campagna aggiornando la rete dei centri di riferimento in tutta Italia, e nel 2019 ha presentato una nuova versione del sito. Ora, grazie al contributo incondizionato di Haleon, il progetto si arricchisce ulteriormente con FAQ, un decalogo e approfondimenti degli esperti, creando un contenitore ricco di risorse utili per tutte le neomamme.

Post parto: 10 consigli di benessere per la neomamma

Il puerperio è un momento cruciale per la salute delle neomamme, un momento durante il quale circa 7-8 neomamme su 10 sperimentano una malinconia transitoria nota come Baby Blues, dovuta alla brusca riduzione dei livelli ormonali. Sebbene questa fase duri normalmente una settimana o dieci giorni, è fondamentale monitorarla attentamente poiché nel 20% dei casi può evolvere in depressione post partum.

Questo momento così delicato è stato definito recentemente come "quarto trimestre". Nonostante il termine "trimestre" sia solitamente associato alle fasi della gravidanza, in questo contesto si estende al periodo post-parto, sottolineando l'importanza del recupero della madre che necessita della continuità di cure e assistenza e dell'adattamento del neonato al mondo esterno.  Riconoscere l'importanza di questo trimestre aiuta a promuovere il benessere e la salute a lungo termine di entrambi.

Attualmente, il sistema sanitario nazionale non prevede un percorso standardizzato di visite post-parto, sebbene alcuni ospedali offrano servizi di assistenza post-parto. I consultori locali sono i principali punti di riferimento, offrendo una gamma di servizi tra cui visite domiciliari gratuite da parte di ostetriche, supporto telefonico, assistenza all'allattamento, corsi di massaggio infantile, supporto psicologico e consulenze ginecologiche e sulla contraccezione post-parto. Inoltre, numerose associazioni locali offrono sostegno gratuito alle neomamme, creando spazi di confronto e condivisione.

Questo decalogo è stato redatto con "l'intento di non lasciare sole le donne in questa fase delicata, ma di accompagnarle con consigli pratici e approfondimenti utili" dichiara Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda ETS.

1. Ora mamma...ma pensa anche a te

E' assolutamente normale proiettare le proprie attenzioni ed energie sul neonato, ma non dimenticare che anche tu sei importante e che il benessere del tuo piccola passa attraverso il tuo. Quindi ascolta te stessa, il tuo corpo, le tue necessità e non dimenticare di prenderti cura anche di te. 

2. Concediti il tempo necessario per trovare un nuovo equilibrio

Il post partum è una fase delicata e complessa in cui devi affrontare grandi cambiamenti fisici post gravidanza e parto e una tempesta di emozioni contrastanti, dovendo al tempo stesso riorganizzare la routine quotidiana. Ci vuole pazienza e anche un po' di indulgenza verso te stessa per identificarti nel nuovo ruolo ed entrare in sintonia con il tuo bimbo e i vostri nuovi ritmi. 

3. Chiedi aiuto, senza vergogna e sensi di colpa

Farsi carico di tutto non è possibile. Devi darti delle priorità e accettare il fatto che puoi e dovresti chiedere aiuto soprattutto per gestire  tutte quelle attività che sono facilmente delegabili, permettendoti di avere un tempo di maggiore qualità con il tuo bimbo e anche qualche spazio tutto per te. 

4. Ritaglia degli spazi per te

Scegli ogni giorno una piccola coccola de dedicarti; uno spazio che deve essere tutto tuo in modo da ricordarti quanto sei importante e speciale. Limita il numero delle visite di parenti e amici, nel caso fai presente che le visite a sorpresa non sono gradite ma vanno concordate. 

5. Non avere timore di condividere le emozioni

E' normale provare emozioni negative, sentirsi tristi, sopraffatte dal ruolo di madre, non all'altezza: la brusca caduta dei livelli ormonali gioca un ruolo importante in questo senso.

Parlane con chi ti sta accanto, liberamente e senza sensi di colpa.

6. Fai rete con altre neomamme

La condivisione di esperienze, emozioni, vissuti tra pari è di grande supporto: aiuta a farti sentire meno sola, a sviluppare competenze, ad acquisire maggiore sicurezza e fiducia in te stessa

7. Segui una dieta bilanciata con una corretta integrazione alimentare

Un'alimentazione equilibrata e deve prevedere frutta e verdura, apporto di proteine sia ti tipo animale che vegetale, di carboidrati complessi come pane e pasta preferibilmente integrali. Come durante la gravidanza, anche nel post partum, soprattutto sei si allatta, un adeguato apporto supplementare di vitamine e sali minerali contribuisce a garantire i fabbisogni nutrizionali della neomamma, anche tramite l'utilizzo di integratori specifici e completi pensati appositamente per questo periodo. 

8. Ricordati di bere

L'idratazione è molto importante, in modo particolare per le neomamme che allattano. Quindi è indicato bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, utilizzando anche come alternativa all'acqua succhi di frutta o centrifugati di frutta e verdura, evitando quelli industriali che hanno un elevato contenuto di zuccheri

9. Mantieni uno stile di vita attivo

Una passeggiata quotidiana a passo veloce, di almeno una trentina di minuti, è un ottimo esercizio che puoi fare anche spingendo la carrozzina, ancor meglio se in compagnia. Una moderata attività fisica fa bene anche all'umore!

10. Riposa durante la giornata quando è possibile

Approfitta quando il tuo bimbo dorme per riposare anche tu. Se fai fatica ad addormentarti, prova a dedicarti a qualche attività a tuo piacere rilassante, come il bagno caldo, la lettura di un libro o l'ascolto della musica. Soprattutto alla sera, sarebbe meglio evitare l'utilizzo di cellulari e dispositivi che con la luce blu interferiscono con l'addormentamento.

Fonti

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli