Salute donna

Calo del desiderio dopo il parto

eros-coppia
18 Ottobre 2012
Il sesso e l’intimità di coppia? Capitolo archiviato, o quasi, per molte neo mamme che spesso si trovano alle prese con un calo del desiderio. Tra le cause principali: i cambiamenti ormonali
Facebook Twitter Google Plus More

I medici dicono che, dopo sei settimane dal parto, la coppia può riprendere un’attività sessuale regolare, ma sono numerose le donne che sperimentano una diminuzione del desiderio fino a molti mesi dopo il parto. Tutte concentrate sul piccolo, tra pannolini, pappe e nottate insonni la libido sessuale può venir meno.

Ma quali sono i motivi? Se molte donne individuano tra le cause più comuni all’origine del calo del desiderio stanchezza, carenza di sonno e mancanza di tempo, da un recente studio condotto dall’University of Michigan emerge come, oltre a affaticamento e stress, il calo della libido sia principalmente dovuto a cambiamenti di tipo ormonale. Diminuzione del testosterone e aumento della prolattina (durante l’allattamento) sono forti inibitori del desiderio. Senza contare poi che il calo di estrogeni successivo al parto può provocare un po’ di secchezza vaginale, che crea qualche fastidio durante i rapporti.

La vita delle neo-mamma è tutt’altro che semplice. Spesso richiede un periodo di transizione per abituarsi alla nuova vita. E’ dunque comprensibile che spesso il sesso venga messo da parte. Non dimentichiamoci, che un neonato chiede un costante contatto con la madre. E a volte l'ultima cosa che una donna desidera, quando riesce a ritagliarsi un po’ di tempo per sé stessa, è quella di essere toccata.

Leggi anche:

Il sesso dopo il parto

I 40 giorni dopo il parto: come affrontarli

La dieta post-parto

 

autore: Mariangela Tessa