Post partum

Che cosa c'entra il post parto con un piatto di carta?

Di Sara De Giorgi
piattocarta
29 Agosto 2019
E' importante sensibilizzare le persone sulla necessità di riposo che una donna ha dopo il parto, ma, soprattutto, è importante farlo notare alla neomamma, la quale non vede l'ora di riprendere le attività che faceva normalmente prima della gravidanza, rischiando, dunque, di sottovalutare la fase di recupero del post-partum.
Facebook Twitter More

Anche se si dice che il post-partum duri circa quaranta giorni, la verità è che, perché una donna possa riprendersi completamente, deve passare almeno un anno.

Sicuramente, passati i primi quaranta giorni, potremmo già sentirci quelle che eravamo prima della gravidanza. Ma ciò non vuol dire che si possa riprendere una "vita del tutto normale" così presto. Ciò non è chiaro per tutti. Si tende a correre per svolgere tutte le attività che si percepiscono come necessarie appena iniziano a tornare le forze fisiche ed emotive, senza pensare che è normale che non ci si possa ancora essere riprese completamente.

Mamme, prendetevi il vostro tempo per recuperare nel postparto

LEGGI PURE: Attività fisica dopo il parto, tutte le informazioni e i consigli utili e come affrontare i 40 giorni dopo il parto

 

Il magazine spagnolo Serpadres.es ha proposto l'esempio di Laura Fry, una mamma inglese che ha portato all'attenzione pubblica la questione. Laura è la creatrice della pagina Facebook "Labor Of Love", nella quale sono trattati molti problemi relativi al parto. La Fry ha condiviso un'immagine particolare, in cui erano rappresentati un piatto usa e getta e un metro, spiegando, con questa foto, l'importanza del recupero totale della donna dopo il parto.

 

ECCO IL POST FACEBOOK DI LAURA FRY:

 

La placenta? Grande come un piatto

22 cm. Laura spiega, nella didascalia del post, che la dimensione di questo piatto di carta è la stessa di quella della placenta e che, quindi, è anche la dimensione della ferita che rimane aperta nella neomamma dopo il parto.

 

Il tempo necessario per la guarigione di questa ferita è 4-6 settimane e, durante questo processo, la donna è più suscettibile alle infezioni o alle emorragie. Secondo Laura Fry, è dunque importante non sottovalutare il postpartum, che non va preso alla leggera.  In pratica, anche se stiamo bene all'esterno, il nostro interno ha bisogno di tempo per guarire.

 

LEGGI ANCHE: Postpartum e neomamme, ecco perché è normale non essere sempre felici

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA: