Home Neonato Post parto

Come riprendersi dopo un parto naturale

di Sveva Galassi - 27.12.2021 - Scrivici

parto
Fonte: Shutterstock
Come riprendersi dopo un parto naturale? Ecco alcune informazioni utili per tutte le donne che affronteranno o che hanno appena affrontato un parto naturale e che devono recuperare una buona forma fisica.

Come riprendersi dopo un parto naturale? La fase di recupero dopo un parto vaginale, chiamata anche "recupero postpartum", richiede tempo. Alcune donne non si sentono più quelle che erano prima della gravidanza per alcuni mesi, mentre altre invece guariscono e recuperano già dopo 6-8 settimane.

La maggior parte dei bambini viene al mondo con un parto vaginale. Il travaglio può durare due ore o due giorni: in entrambi i casi probabilmente la neomamma dovrà rimanere in ospedale per circa 48 ore, a seconda di ciò che lei e il medico decidono. Dopo il ritorno a casa, il corpo avrà bisogno di alcune settimane per riprendersi completamente.

Ecco alcuni informazioni utili per tutte le donne che hanno affrontato un parto naturale e che devono recuperare una buona forma fisica. 

In questo articolo

Sintomi e disturbi post parto naturale

Ecco tutto ciò che ci si può aspettare dopo un parto naturale.

1) Dolore 

Durante il travaglio, il perineo, che corrisponde all'area tra la vagina e il retto, può allungarsi e lacerarsi. Il dolore postpartum può essere più forte se ci si è sottoposte ad un'episiotomia. In quest'ultimo caso il medico ha fatto un piccolo taglio al fine di allargare la vagina e di aiutare il bambino a uscire.

Potreste avere punti inseriti per chiudere ferite o tagli nel perineo. La guarigione in questo caso richiede fino a 6 settimane. Il corpo alla fine assorbirà i punti. Nel frattempo, non toccateli mai e avvertite il medico se diventano più dolorosi o se sanguinano.

Per alleviare il dolore a casa:

  • Mettete un impacco di ghiaccio o un impacco freddo sulla zona, per alleviare il dolore e il gonfiore.
  • Sedetevi su un cuscino e non su una superficie dura.

Usate una bottiglia a spruzzo con acqua calda per mantenere l'area pulita mentre fate pipì. Premete delicatamente un panno contro l'area dolente e pulite dalla parte anteriore a quella posteriore. Ciò allevierà il dolore e vi aiuterà a evitare l'infezione.

2) Perdite vaginali

È comune avere sanguinamento vaginale e perdite per diverse settimane dopo il parto. Questo è il modo in cui il corpo si libera del tessuto e del sangue - ora in eccesso - che hanno nutrito il bambino nell'utero durante la gravidanza.

Nei primi giorni vedrete sangue rosso vivo che diminuirà gradualmente, passando dal rosa al marrone, poi al giallo prima di scomparire. Lo scarico può essere più pesante nei primi 10 giorni. Potreste avere dei coaguli e ciò è più comune nella prima settimana dopo la nascita. Chiamate il medico se i coaguli sono eccessivi. In generale, il flusso diviene gradualmente un leggero sanguinamento e di solito si ferma circa 6 settimane dopo il parto.

Usate assorbenti, non tamponi, mentre avete le perdite vaginali. I tamponi possono far introdurre batteri nella vagina che possono causare infezioni.

3) Crampi/contrazioni

Le contrazioni per alcuni giorni dopo il parto sono normali. Possono manifestarsi esattamente come i crampi durante il ciclo. Accadono perché l'utero si sta restringendo. Potreste notare questi dolori di più mentre allattate il bambino, poiché l'allattamento al seno rilascia sostanze chimiche nel corpo che causano la contrazione dell'utero. Potete chiedere al medico se va bene prendere un antidolorifico da banco.

4) Stipsi

Potreste avere problemi ad andare in bagno dopo il parto. Questo è spesso un effetto collaterale degli antidolorifici ricevuti durante il parto. Se avete subito un'episiotomia, potreste anche temere che sforzare l'intestino danneggi i punti.

Per alleviare la stitichezza, bevete molta acqua e mangiate cibi ricchi di fibre. Chiedete al medico se occorre che proviate un ammorbidente delle feci. Se avete le emorroidi (vene gonfie sul sedere) dopo il parto, provate ad applicare l'amamelide per alleviare il dolore e il prurito.

5) Diarrea

I muscoli e i tessuti del retto possono essere allungati o strappati durante il parto, quindi potreste avere diarrea o perdite di gas. Di solito la situazione migliora dopo pochi mesi dalla nascita.

A seconda della causa, il medico può prescrivere farmaci per controllare la diarrea o il gas. Fate attenzione a ciò che mangiate: latticini, glutine, cibi grassi e dolcificanti artificiali possono causare diarrea in alcune persone. Anche gli esercizi di Kegel, in cui contraete i muscoli pelvici come se doveste fermare la pipì a metà del flusso, possono aiutare.

6) Difficoltà nel fare pipì

Il parto vaginale allunga la vescica e può causare danni ai nervi e ai muscoli per un breve periodo. Ciò può rendere difficile andare in bagno anche quando ne sentite il ​​bisogno. Provat a versare acqua sui genitali mentre siete sedute sul water per ridurre il bruciore della pipì.

Potreste anche notare che perdete un po' di pipì ogni volta che tossite o ridete: ciò dovrebbe migliorare gradualmente. Potete accelerare il recupero con gli esercizi di Kegel. Provate a contrarre i muscoli per 5 secondi, cinque volte di seguito. Lavorate fino a 10 volte di fila, finché non eseguite almeno tre serie da 10 ripetizioni al giorno.

7) Dolore o gonfiore al seno 

Nei primi 3-4 giorni dopo il parto, il seno produce il colostro, una sostanza ricca di nutrienti che aiuta a rafforzare il sistema immunitario del tuo bambino. Dopodiché, i seni si gonfieranno e si riempiranno di latte.

L'allattamento allevia il gonfiore. Mettete anche salviette fredde sul seno tra una poppata e l'altra.

Se non state allattando, indossate un reggiseno solido e di sostegno. Evitate di strofinare il seno, altrimenti produrrà più latte.

8) Sentirsi tristi o depresse

Dopo aver portato a casa il bambino, potreste attraversare un ottovolante di emozioni (tra cui preoccupazione, ansia e stanchezza) nei primi giorni della maternità. Si chiama "baby blues" ed è causato da cambiamenti ormonali.

Se vi sentite così per più di un paio di settimane, tuttavia, chiamate il medico. Potreste soffrire di depressione postpartum, una condizione più grave che necessita di cure.

Sintomi post parto naturale, quando occorre chiamare il medico?

Di solito dopo un parto naturale si fa un controllo a distanza di 6 settimane. Il ginecologo verificherà lo stato della vagina, della cervice e dell'utero, nonché il peso e la pressione sanguigna.

Una volta che avete ottenuto il via libera dal medico, potete anche ricominciare a fare sesso e tornare a una routine di esercizi per il mantenimento della forma fisica.

Avvertite però subito il medico se avete i seguenti sintomi.

  • Forte sanguinamento dalla vagina che vi costringe continuamente al cambio dell'assorbente.
  • Un forte mal di testa che non va via.
  • Dolore alle gambe, insieme a arrossamento o gonfiore.
  • Dolore al seno, gonfiore, calore e arrossamento.
  • Brividi o febbre alta.
  • Svenimento o vertigini.
  • Cambiamenti della vista.
  • Dolore o altri problemi quando fate pipì.
  • Perdite vaginali dall'odore forte.
  • Palpitazioni cardiache, dolore toracico o problemi di respirazione.
  • Vomito.
  • Dolore alla pancia che peggiora o che si manifesta per la prima volta.

Come recuperare il benessere psico-fisico dopo un parto naturale?

Rossana Sarli, ginecologa dell'Università di Genova, ha affermato che il periodo del puerperio può essere vissuto in modo estremamente vario. «A condizionare il benessere psicofisico c'è innanzitutto il decorso della gravidanza e l'esperienza parto, e poi influiscono il peso accumulato, la cura che abbiamo rivolto a noi stesse, il riposo che riusciamo a concederci.

La depressione post parto sicuramente ha genesi nelle variazioni ormonali, ma dipende anche dal nostro atteggiamento solito nei confronti delle difficoltà della vita, dalla stanchezza e dalla forma fisica. Quel che è certo è che il neonato assorbe tanto dal benessere della madre: per esperienza, mamme felici e tranquille - anche se stanche - hanno bimbi tranquilli che mangiano e dormono solitamente senza grossi problemi.

Per questo alle neomamme consiglio una settimana a casa per organizzarsi e ritrovare le forze, magari aiutate da nonne e marito, ma dopo suggerisco loro di tornare al più presto alle normali relazioni sociali – estetista e parrucchiere inclusi! - lasciando il pupo a casa a chi si offre, senza sensi di colpa, perché la donna ha bisogno di riprendersi dal parto, anche psicologicamente.

Sicuramente chi ha già avuto un bimbo recupera più velocemente il proprio benessere soprattutto perché si fa molti meno problemi. Se però si tratta del primo figlio, cerchiamo tra le nostre conoscenze chi ha passato recentemente questa esperienza, ascoltiamola e poi prendiamo qualche spunto che ci fa stare bene. E infine ricordiamo che genitori si diventa un po' per volta, che non esistono genitori perfetti e che sbagliare qualcosa ci rende sicuramente più… simpatici!».

Fonti per questo articolo: 

www.webmd.com

www.msdmanuals.com

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli