Home Neonato Post parto

Neonato: il meconio

di Sara Sirtori - 02.07.2020 - Scrivici

meconio-2
Fonte: Shutterstock
Il meconio è il materiale contenuto nell'intestino del feto, emesso normalmente entro 24 ore dalla nascita. Ileo da meconio e sindrome da aspirazione sono le problematiche più diffuse ad esso legate.

Il meconio: le prime feci del neonato

Le prime feci del neonato prendono il nome di meconio: si tratta di un materiale dal colorito nero - verdastro, privo di odore e piuttosto vischioso, frutto di quanto il feto ha deglutito durante la vita prenatale (liquido amniotico, residui cellulari, urina ecc.). Normalmente entro 12/24 ore dal parto il neonato elimina le prime feci, ma se ciò non avviene si parla di ileo da meconio.

Vediamo quali sono le caratteristiche del meconio, come risolvere il problema della mancata espulsione da meconio e che cos'è la sindrome da aspirazione di meconio.

In questo articolo

Che cos'è il meconio

Il meconio, la prima cacca

Per i primi 2 o 3 giorni di vita, il neonato emette delle feci particolari, che prendono il nome di meconio. Sono di colore verde-nerastro e di consistenza un po' appiccicosa, tanto che a volte è difficile rimuoverle dal sederino. Il meconio è costituito da quello che c'era nell'intestino del feto durante la gravidanza, e cioè principalmente mucoliquido amniotico.

È molto importante che cominci a essere emesso nelle prime 24 ore di vita del bambino poiché un'emissione tardiva può essere il segnale di qualcosa che non va, per esempio la presenza di un ostacolo al transito nell'intestino, oppure un'anomalia metabolica. Per questo motivo, nelle ore dopo il parto in ospedale, gli operatori chiedono spesso alla neomamma se il neonato ha fatto la cacca!

Se dopo un giorno di vita il meconio non è ancora uscito, è il caso di fare qualche controllo specificoe verificare se c'è qualcosa da indagare meglio.

Problemi nell'espulsione da meconio

Ileo da meconio

L'ileo meconiale è un'occlusione intestinale che si verifica quando il meconio è estremamente spesso e colloso, tanto che il neonato non riesce a evacuarlo. 

Il meconio provoca così un'ostruzione della parte finale del piccolo intestino, chiamato ileo. Nell'80-90% dei casi, l'ileo meconiale è la prima manifestazione di una malattia, la fibrosi cistica. Nel restante 10-20% dei casi è causato da altre situazioni, come per esempio la prematurità.

Come si manifesta l'ileo da meconio


Il neonato emette normalmente il meconio nelle prime 24 ore di vita. Così non accade nei neonati con ileo da meconio che non emettono il meconio ma cominciano a presentare sintomi di blocco intestinale come vomito biliare (verde scuro) e addome gonfio.

Come si cura l'ileo da meconio

Nel sospetto di ileo da meconio, si evita di far mangiare o bere il neonato, che viene nutrito per via venosa, eventualmente utilizzando un catetere venoso (tubicino inserito in una vena). Viene messo un sondino naso-gastrico per svuotare lo stomaco e per prevenire eventuali episodi di vomito.

Il trattamento successivo dipende dalla forma di ileo da meconio da cui il neonato è affetto.
Nella forma semplice, ossia non associato ad altre complicanze, può essere iniziato un trattamento con clisteri evacuativi che hanno lo scopo di fluidificare il meconio denso e colloso e, conseguentemente, di sbloccare l'intestino.

Se questo trattamento non si rivela efficace, è necessario procedere a un intervento chirurgico con lo scopo di liberare l'intestino dal meconio denso e colloso e di favorire la ripresa della normale funzione intestinale.

La sindrome da aspirazione di meconio

La sindrome da aspirazione di meconio è una complicanza legata al parto


Come già detto, il meconio  normalmente viene eliminato spontaneamente dopo la nascita. A volte, però, questo materiale nero - verdastro viene evacuato nel liquido amniotico, in risposta allo stress fisiologico che si verifica durante il travaglio.

In prossimità del parto, quindi, il bambino può aspirare meconio misto a liquido amniotico: possibili conseguenze sono l'ostruzione meccanica delle vie aeree, la polmonite infiammatoria e il distress respiratorio.

Fattori che favoriscono la sindrome da aspirazione di meconio comprendono la pre-eclampsia materna, la gravidanza post-termine (gestazione maggiore di 40 settimane), il parto difficile o il travaglio prolungato e l'insufficienza placentare.

Sindrome da aspirazione di meconio: i sintomi

I sintomi della sindrome da aspirazione di meconio comprendono

  • respiro affannoso,
  • tachipnea,
  • rantoli,
  • ronchi
  • e cianosi.

Come intervenire in caso di sindrome da aspirazione di meconio

Il trattamento della sindrome da aspirazione di meconio consiste in un'energica aspirazione della bocca e del rinofaringe, immediatamente dopo il parto e prima che il neonato respiri e pianga, seguita dal supporto respiratorio secondo le necessità. Interventi complementari possono comprendere la somministrazione di surfattante (per migliorare la funzione dei polmoni e ridurre la possibilità di scompenso polmonare) e antibiotici (per prevenire eventuali infezioni).

Fonti per questo articolo:

Ospedale Bambin Gesù

Aogoi - Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani

National Childbirth Trust - What's in a nappy?

Materiale di approfondimento dal sito BabyCentre - Your baby's poo: what's normal and what's not

Domande e risposte

Da cosa è composto il meconio?

Il meconio è costituito dai prodotti delle secrezioni intestinali e dalle sostanze che il neonato ha ingerito in utero nel periodo che ha preceduto  la nascita: liquido amniotico, residui cellulari, urina.

Come sono le feci del neonato allattato al seno rispetto a quello con latte artificiale?

Alla fine della prima settimana, le feci del neonato allattato al seno si distinguono per le seguenti caratteristiche:  

  • colore giallo uovo, a volte verdastro con presenza di grumi bianchi
  • consistenza ed aspetto grumoso
  • odore un po' acido
  Nel neonato alimentato con latte artificiale, le feci tendono ad essere più scure e consistenti.

Quanto si scarica un neonato?

Appena nato, il neonato emette le proprie feci con una frequenza di 1 - 5 volte nell'arco della giornata, spesso al termine della poppata.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli