Home Neonato Post parto

Pancia dopo il parto, i 5 consigli per farla tornare come prima (o quasi)

di Angela Bisceglia - 15.05.2023 - Scrivici

pancia
Fonte: Shutterstock
Pancia dopo il parto: come farla tornare tonica? Con addominali e passeggiata di mezz'ora ogni giorno. Alimentazione equilibrata e crema

In questo articolo

Post parto: come tonificare la pancia dopo il parto

Nelle prime settimane dopo la nascita del bebè è normale che i tessuti e i muscoli della pancia siano ancora rilassati e la pelle appaia priva di tono: per rimettersi a posto occorreranno alcune settimane. Ecco alcuni suggerimenti degli esperti.

"Il periodo gestazionale e il puerperio sono caratterizzati da una trasformazione morfo-strutturale globale dell'organismo, in particolare della muscolatura addominale, che nel giro di pochi mesi deve dilatarsi per permettere l'accrescimento del feto, e del pavimento pelvico, che viene sottoposto ad un sovraccarico dato dall'aumento del peso viscerale" spiega la ginecologa Rossana Sarli. "E' quindi importante nell'immediato periodo post parto aiutare il 'sistema pelvico-addominale' a riacquistare la sua funzionalità basale". 

Soffermiamoci un attimo ai 40 giorni dopo il parto, riflettendo sui cambiamenti che il corpo ha dovuto affrontare durante la gestazione. Cosa succede al corpo ora che il bambino non è più nel grembo? 

In seguito al parto, ogni corpo femminile attraverserà un periodo di recupero. Ma ogni corpo e ogni recupero post-partum sono unici. Non abbiate fretta e soprattutto consultate il vostro medico che vi darà consigli in base alla vostra situazione personale. 

Ma vediamo costa sta succedendo al corpo. 

Intanto comincia la produzione di latte materno. Il seno è pronto ad accogliere la montata lattea, per cui potreste sentire i seni pieni, sensibili o tesi. Potreste anche notare cambiamenti nelle dimensioni o nella forma del seno.

Se avete avuto un parto vaginale, potreste avere punti di sutura o lacerazioni che richiedono tempo per guarire. Se invece aveete subito un parto cesareo, la ferita richiede tempo per guarire completamente, il vostro utero si contrae per tornare alla condizione iniziale pre-gravidanza. Grazie all'allattamento viene rilasciata ossitocina che va a stimolare le contrazioni uterine (i morsi uterini).

Fino a sei settimane dopo il parto è comune che ci sia il sanguinamento post parto che tende a diventare leggero con il passare del tempo.

La zona pelvica, dunque, potrebbe essere ancora soggetta a dolore o fastidi che tenderanno a diminuire giorno dopo giorno, ma ci vuole un po' di tempo. Inoltre gli ormoni sono ancora ballerini e fluttuando potrebbero influenzare l'umore e la produzione del latte. 

E' bene aspettare quindi la visita di controllo, trascorsi i 40 giorni, per avere le giuste direttive dal proprio medico sul da farsi e non avere fretta, ma ascoltare il proprio corpo. 

1. Pancera nei primi 10 giorni dopo il parto

"Il consiglio è di indossare la pancera, scegliendo però un modello che sostenga senza costringere, in tessuto elastico e con fasce laterali regolabili, che aiuti a ripristinare i rapporti muscolo-tendineo-legamentosi della pancia e scaricare il pavimento pelvico dall'eccesivo peso dei visceri addominali" risponde la ginecologa.

"La pancera è utile in particolar modo se si è fatto un taglio cesareo, poiché rende più agevoli i movimenti, resi difficoltosi dalla presenza di suture chirurgiche. In più, la guaina nel post parto può servire per compensare le alterazioni posturali che la colonna si ritrova dopo nove mesi di gestazione, prevenendo fastidiosi mal di schiena ed aiutando ad assumere nuovamente una postura corretta (che tra l'altro ti abitua a mantenere i muscoli addominali naturalmente contratti).

La pancera può essere indossata per una decina di giorni dopo il parto e solo quando si sta in piedi, mentre va tolta prima di andare a dormire".

2. Primi addominali dopo due settimane

Trascorse almeno due settimane dal parto, si può iniziare a svolgere degli esercizi specifici per tonificare gli addominali. "Prima di iniziare a lavorare nuovamente sulla muscolatura addominale, è però necessario verificare se la diastasi dei retti addominali, ossia la separazione degli addominali che si verifica normalmente durante la gravidanza, si è parzialmente richiusa" avverte la personal trainer Viviana Ghizzardi. "In caso contrario è necessario aspettare ancora alcune settimane prima di iniziare la ginnastica.

Guarda il nostro video su come ritornare in forma dopo il parto:

3. 30 minuti di camminata

Oltre alla ginnastica, è bene praticare un'attività fisica moderata ma costante: perfetta anche una semplice passeggiata quotidiana di circa 30 minuti, magari con carrozzina al seguito, che migliora in generale la tonicità muscolare e contribuisce a far smaltire qualche chilo di troppo accumulato durante l'attesa.

4 - Alimentazione, niente dieta ma poco sale e no cibi elaborati

Specie se la neomamma allatta, non è certo il caso di sottoporsi a diete drastiche nel tentativo di ridurre a pancetta, quindi l'alimentazione deve esser equilibrata, caratterizzata da cibi semplici e facilmente digeribili.

Alcuni consigli anti-pancia:

  • ridurre il sale, che provoca ritenzione di liquidi e quindi gonfiori;
  • consumare la frutta preferibilmente lontano dai pasti ed evitare cibi e cotture troppo elaborati, per evitare fermentazioni;
  • combattere la stitichezza, aumentando il consumo di cereali non raffinati, verdura e frutta;
  • masticare lentamente, per facilitare la digestione.

5. Crema elasticizzante

Dopo aver ospitato per tanti mesi il bebè, è facile che la pelle appaia secca e priva di tono: per aiutarla a ritornare alle sue condizioni originarie, applica con costanza una crema elasticizzante e rassodante, arricchita ad esempio da elastina, collagene e principi attivi antismagliature, come acido boswelico e rosa mosqueta, da alternare con un olio di mandorle dolci o di jojoba.

Per contrastare gli accumuli adiposi, invece, ci sono cosmetici specifici pancia e fianchi, contenenti alghe marine e fitoestratti: se però allatti, verifica in etichetta che non ci siano controindicazioni.

Domande e risposte

Quanto tempo occorre per dimagrire dopo il parto?

Il corpo durante la gravidanza ha compiuto un vero e proprio miracolo. Ci vuole un po’ di tempo, tanta pazienza e soprattutto le giuste aspettative prima di recuperare la forma di prima.

Come perdere peso dopo il parto?

  • Passeggiate con il bambino
  • Seguite un corso in piscina insieme
  • Fate esercizi a casa in palestra appena sarà possibile 

Come trattare le smagliature dovute alla gravidanza?

Se la gravidanza vi ha lasciato cellulite, smagliature e cuscinetti regalatevi un trattamento con massaggi linfodrenanti che sciolgono l'adipe localizzato e migliorano la circolazione.

Pancia post parto, quando va via?

Dopo aver partorito gli ormoni si mettono in movimento e il ventre inizia a diminuire. Sono necessarie almeno 4 settimane affinché l'utero riprenda la sua forma iniziale. Come spiega Rossana Sarli, ginecologa dell'Università di Genova, se nelle ultime settimane di gravidanza pesava quasi un chilo, già dopo sette giorni dal parto il tessuto uterino si riduce del 50%, per poi tornare in sei settimane alle stesse dimensioni del periodo precedente la gravidanza e a un peso di circa 100 grammi.

Dopo un cesareo ci vorrà un po'più di tempo per tornare in forma come prima perché i muscoli addominali hanno subito un intervento. Non bisogna avere fretta e aspettare qualche mese per assicurare una corretta cicatrizzazione dei tessuti. Dopo qualche settimana si potrà iniziare con qualche esercizio sugli addominali. L'ideale è iscriversi in piscina e nuotare oppure seguire un corso di acquagym: attività che alleggeriscono la percezione del peso, ci fanno sentire più leggere e sciolgono le articolazioni mentre ci si allena in modo mirato.

Perché il tempo di recupero è diverso da donna a donna?

Perché la forma del corpo precedente alla gravidanza può essere diversa e quindi in alcuni casi c'è chi ha difficoltà a ritrovare la propria silhouette e chi invece la ritrova facilmente, perché i chili presi durante la gravidanza sono diversi da donna a donna, inoltre  bisogna considerare se prima della gravidanza si praticava dello sport oppure no ed infine il fattore genetico che non dipende da noi. 

Probabilmente sarà più facile perdere peso se:

  1. avete preso meno di 13 Kg e avete praticato uno sport in modo regolare durante la gravidanza
  2.  se allattate
  3.  se si tratta del primo parto

Potete cominciare a fare qualche esercizio sugli addominali dopo un mesetto dal parto e soprattutto camminate, fare passeggiate regolari tutti i giorni insieme al vostro bambino: trenta minuti di camminata al giorno aiutano a perdere peso e rimettere in moto il metabolismo.

In ogni caso non dimenticare che in generale passeranno almeno 6 mesi, dopo aver partorito, per ritrovare il peso di un tempo.

Addominali post parto

Nel momento in cui il medico vi dà l'ok alla ripresa dell'esercizio fisico, dovete tenere conto che per far tornare la pancia piatta e tonica non basta fare centinaia di addominali al giorno, anzi.

Se fatti mali potrebbero addirittura essere controproducenti. In ogni caso, se avete bisogno di perdere peso e non solo di riacquisire tono, è necessario inserire nel vostro allenamento anche dell'attività cardio, oltre a seguire un'alimentazione sana

Revisionato da Nicoletta Vuodi

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli