Home Neonato Svezzamento

Carne e svezzamento: suggerimenti e come introdurla

di Simona Bianchi - 20.01.2023 - Scrivici

carne-e-svezzamento-suggerimenti-e-come-introdurla
Fonte: Shutterstock
La carne può essere introdotta nell'alimentazione del bambino dal sesto mese. Quali tipologie preferire durante lo svezzamento e come fare

In questo articolo

Carne e svezzamento: quando iniziare

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Fondo per l'Infanzia dell'ONU (UNICEF), il latte materno è considerato l'alimento ideale per i bambini fino ai 6 mesi di vita. Dopo questo periodo si può iniziare a introdurre cibi solidi nella dieta del bambino. Per farlo si può scegliere di preparare la classica pappa proponendo degli alimenti in purè o degli omogeneizzati preparati in casa, oppure scegliere la strada dell'autosvezzamento. Importante è che il piccolo assuma una dose di proteina, una di carboidrati e una di grassi. Per quanto riguarda l'autosvezzamento si tratta di far mangiare al proprio figlio gli alimenti che sceglie di provare, sminuzzati in pezzettini piccolissimi. La carne, in questo caso, può essere, quindi, preparata a bagnomaria o in polpette e tagliata in pezzetti molto piccoli. Altrimenti può essere introdotta con omogeneizzati.

Perché introdurre la carne nello svezzamento

La carne è una fonte primaria di nutrienti e micronutrienti come la vitamina B12, lo zinco, il selenio e il ferro. Serve quindi a colmare il deficit di proteine del latte materno che, dopo il sesto/ottavo mese, inizia a ridurre gradualmente la sua completezza per alcune vitamine e sali minerali. La carne, inoltre, favorisce un sano sviluppo delle capacità neurologiche e psicologiche. Inizialmente la carne può essere introdotta frullata o omogeneizzata, all'interno delle pappe o dei purea che si preparano.

Quali tipi di carne preferire

Le prime volte è meglio prediligere le carni bianche come il pollo e il tacchino perché sono un'ottima fonte di proteine, con pochi grassi e di buona qualità. Hanno inoltre una elevata digeribilità e un ragionevole apporto calorico e sono ideali da consumare con le prime pappe. Rispetto alle rosse, contengono infatti una percentuale inferiore di sostanze fibrose. Questo alimento va introdotto gradualmente nella dieta e variato di volta in volta per far abituare il bambino a nuovi sapori.

Iniziando con coniglio, tacchino e pollo, dopo qualche settimana si potrà proporre anche il manzo. E dal settimo mese il prosciutto cotto.

Le quantità e gli errori da evitare

All'inizio dello svezzamento si potrebbe aggiungere mezzo vasetto di omogeneizzato di carne alla pappa per poi aumentare le dosi mese dopo mese. Per quanto riguarda la carne fresca si può iniziare con 30 grammi per poi aumentare. La carne andrebbe proposta 3-4 volte a settimana e mai due volte nella stessa giornata. Andrebbe evitata l'aggiunta di sale e zucchero mentre può essere utile e salutare condire con un cucchiaio d'olio extravergine d'oliva per rispettare la quota di grassi da inserire nella dieta.

Le ricette per introdurre la carne nello svezzamento

Ecco tre ricette per far assaggiare la carne al bambino in modo diverso e gustoso:

  • Pastina e pollo: cuocete a vapore 30 grammi di carne di petto di pollo macinata. Cuocete 90 grammi di verdure miste (patate, carote, zucchine, lattuga) a vapore o bollite, mettetele in una ciotolina e frullatele completamente. Mettete 180 ml di brodo vegetale in un pentolino e portatelo a bollore. Mettete a cuocere 14 grammi di pastina per circa 8/10 minuti. Unite alla pastina con il brodo, tre cucchiai di passato di verdure e la carne di petto di pollo cotta a vapore. Mettete un cucchiaino e mezzo di olio extravergine di oliva e mescolate bene
  • Polpette di riso, pollo, zucchine e carote: Fate bollire abbondante acqua e cuocete 35 grammi di riso. Bollite delle verdure tagliate a pezzettini tra zucchine, carote e patate, scolatele e schiacciatele bene con una forchetta. Mettete in una ciotola il riso bollito, 30 grammi di carne di pollo macinata, le verdure schiacciate, un cucchiaino di parmigiano grattugiato e solo l'albume di un uovo. Impastate bene con le mani e create delle piccole polpette da passare nel pangrattato. Mettete le polpette su un tegame con carta forno e spruzzatele leggermente di olio extravergine di oliva. Cuocete in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti circa fino a che risulteranno cotte e dorate in superficie
  • Prima pappa: Mettete nella pentola a bollire 1 litro di acqua e verdure di stagione. Quando il volume del liquido sarà diventato la metà, usate il brodo (circa 200 ml) per preparare la pappa. Il passato delle verdure utilizzate per preparare il brodo potrà essere aggiunto dopo qualche giorno, oppure fin da subito. Poi aggiungete crema di riso o farina di mais e tapioca, da 1 a 3 cucchiai in totale. Liofilizzati o omogeneizzati di carne o pesce, inizialmente con mezza porzione e un cucchiaino di olio extravergine d'oliva

FONTI:

Svezzamento

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli