L'esperienza di una mamma foodblogger

Svezzamento, come preparare la pasta al "finto" baccalà

marzo_4-ricetta-pasta-al-finto-baccala_404teaser.jpg
03 Dicembre 2012
All'ottavo mese si può introdurre nell'alimentazione del bebè il pesce. Ecco una ricetta per rendere più accattivante la pappa del piccolo: la pasta al "finto" baccalà. Leggi i consigli di Miralda Colombo, giornalista e food-blogger.
Facebook Twitter More

Il pesce è uno di quegli alimenti che a casa nostra compaiono almeno due volte la settimana. E’ stato quindi naturale introdurlo nella dieta di Lea a partire dall’ottavo mese.

Altra abitudine, tutta mia, è quella di preferire sempre il pesce fresco, nel senso che non acquisto praticamente mai prodotti congelati. Perché? Preferenza personale, che non significa certo spesa quotidiana, ma l’acquisto di prodotto fresco che in parte viene cucinato subito, in parte congelato.

Ovviamente gli assaggi di Lea di pesce hanno seguito le abitudini della sottoscritta.

Inizialmente sono partita con sogliola, nasello e trota, pesci bianchi, poco grassi e digeribili, per poi introdurre anche branzino, orata, salmone e pescatrice: cercate di acquistare i pesci interi e non i filetti, su questi ultimi, infatti, è più difficile essere sicuri della freschezza.

Occhio acceso e carne soda

Come riconoscere un pesce che sa di mare? Ricordate: carne soda, corpo rigido e occhio acceso. Lasciate sul banco pesci molli e dall’occhio spento. E poi col pesce intero come mi regolo? Uhm, potete sempre chiedere al pescivendolo di pulirlo e ricavare dei comodi filetti. Come ho fatto io per il nasello, alias finto baccalà, della ricetta.

E per la cottura? Preferite sempre una cottura leggera, come quella a vapore o al cartoccio, oppure unite i pezzettini di pesce al condimento del primo piatto. Come piatto unico risulterà, di sicuro, più semplice che piaccia al bambino.

La ricetta del finto baccalà!

Ingredienti

 

  • 40 g di nasello (o sogliola)

  • 1 patata piccola

  • 1 fetta di finocchio tenera

  • 40 g di pastina baby

  • 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva

  • (un pizzico di aneto)

 

Procedimento

Pelate la patata e lavate il finocchio. Mettete a cuocere al vapore fino a quando le verdure sono morbide. Nell’acqua di cottura lessate la pasta, mentre in una padellina ripassate le verdure a piccoli pezzettini o frullate con un paio di cucchiai di acqua di cottura con il pesce a tocchettini. Condite con un cucchiaino di olio e aggiungete la pasta quando è pronta. Se il bambino fatica a masticare frullate tutto (pesce e verdure insieme) e unite alla pasta. Profumate con un pizzico di aneto e servite.

 

Leggi tutte le puntate dell'agenda dello svezzamento

L'autrice dell'articolo e la fotografa 

 

Miralda Colombo è giornalista e autrice del blog www.ilcucchiainodialice.it, nato in occasione dello svezzamento della figlia Alice e da cui è scaturito il libro di ricette per bambini "Il cucchiaino", ed. Gallucci.

 

In questi mesi ha ricominciato l’avventura dello svezzamento con la secondogenita Lea e ha accettato di accompagnare le mamme di nostrofiglio.it con consigli pratici, trucchi e le indicazioni delle più accreditate società scientifiche sull’alimentazione del bambino.

Le foto sono di Cevì (Cecilia Viganò), artista, fotografa e illustratrice diplomata all'Accademia di Brera.

 

Leggi anche la Guida allo svezzamento di nostrofiglio.it con le ultimi indicazioni della comunità scientifica