Home Neonato Svezzamento

Sale nello svezzamento: quando si può usare?

di Simona Bianchi - 29.05.2024 - Scrivici

sale-nello-svezzamento-quando-si-puo-usare-
Fonte: Shutterstock
Il sale nello svezzamento è un alimento da usare il meno possibile. Come insaporire le pappe dei neonati e quando introdurre questo ingrediente

In questo articolo

Il sale nello svezzamento si può usare?

Il sale nello svezzamento non è un ingrediente consigliato, anzi si dovrebbe evitare il più possibile. L'Organizzazione Mondiale della sanità raccomanda che ai bambini non siano dati alimenti contenenti sale aggiunto. Da 2 anni di età, l'Oms consiglia l'assunzione massima di sodio di 2 g al giorno che equivalgono a 5 g per giorno di sale. In generale, non c'è un divieto assoluto nell'aggiungere del sale nella pappa o negli alimenti che diamo ai nostri bambini o neonati, ma bisogna ricordare che è bene non utilizzarlo (o limitarne al massimo l'uso).

Quando si può usare il sale nello svezzamento?

Sempre secondo l'Oms, in particolare nell'età evolutiva, sarebbe opportuno limitale la quantità di sale da consumare quotidianamente. L'Organizzazione Mondiale della Sanità spiega che "durante il divezzamento si raccomanda di non aggiungere sale agli alimenti complementari, perché i cibi al naturale, che da soli contengono già sodio, ricoprono il fabbisogno del lattante nella fascia di età 6-12 mesi." Questo significa che non si dovrebbe aggiungere sale alle preparazioni e neanche impiegare dado da cucina per preparare i brodi e le pappe. Bisognerebbe anche prestare sempre attenzione alla salinità dei cibi proposti. I cibi per l'infanzia, come gli omogeneizzati, sono infatti formulati senza alcuna aggiunta di sale per garantire tutto il gusto naturale degli alimenti e una crescita in salute del bambino. Sarebbe ottimale che il consumo di sale venisse mantenuto ridotto anche dopo l'anno di vita, tuttavia si possono concedere piccole dosi, pari ad una quantità di circa 2g al giorno (che apportano 0.8g di sodio).

Cosa fare per evitare il sale ai bambini?

Per fare in modo che il piccolo si abitui a mangiare cibo a basso contenuto di sale bisogna abituarlo fin da subito a consistenze e gusti naturali. I neonati hanno un maggior numero di papille gustative che già dalla nascita sono in grado di riconoscere i quattro sapori base tra cui il salato e l'amaro.

Se si opta per l'autosvezzamento è importante che tutta la famiglia modifichi la propria dieta riducendo il consumo di sale. Per seguire una corretta alimentazione si dovrebbe:

  • evitare di consumare cibi precotti, in scatola addizionati di sale e quelli fritti che lo assorbono;
  • evitare gli insaccati e tutta la carne processata;
  • preferire alimenti a basso contenuto di sodio come formaggi non stagionati
  • sostituire nelle preparazioni il sale con erbe aromatiche, spezie, olio extravergine d'oliva;
  • moderare gli alimenti che contengono sale aggiunto come pizza, cracker, grissini, focacce e pane
  • preferire ingredienti freschi e di stagione.

Come insaporire le pappe dei neonati

Come già anticipato, per insaporire le pappe dei neonati, al posto del sale, si possono usare spezie e piante aromatiche come il basilico per dare più gusto al pomodoro o il rosmarino per l'arrosto. Dai due anni in su si può iniziare a sperimentare anche un po' di peperoncino. Anche l'olio extravergine di oliva è indicato con il suo gusto delicato e la proprietà di favorire l'assimilazione delle vitamine liposolubili. Nelle prime pappe dei piccoli si può usare infine il formaggio stagionato grattugiato, tipo parmigiano o grana. Questo alimento è indicato fin dall'inizio dello svezzamento perché fornisce calcio e vitamine e contiene proteine nella forma più digeribile. Dettaglio da ricordare è non eccedere mai nelle quantità anche se si usano dei sostituti del sale, per esempio non superare i due cucchiaini di formaggio grattugiato da far sciogliere nella pappa del bebè e, se si usa il formaggio, non aggiungere altre fonti proteiche come carne o pesce. Per quanto riguarda l'olio extravergine d'oliva andrebbe usato sempre crudo e la quantità ideale per il bimbo nello svezzamento è pari a uno o due cucchiaini come condimento di brodi vegetali, pappe o minestrine.

Fonti

Crea la tua lista nascita

lasciandoti ispirare dalle nostre proposte o compila la tua lista fai da te

crea adesso

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli