Da sapere

Che cosa è l'immunità di gregge?

vaccino
23 Giugno 2017
L'immunità di gregge è "il livello di immunizzazione di una collettività che permette di proteggere i più fragili e chi non può vaccinarsi". Per esempio neonati e persone immunodepresse.
Facebook Twitter More

Perché è importante che un'altissima percentuale della popolazione sia vaccinata? Che cosa è l'immunità di gregge, o di gruppo?

 

Se ne parla molto in questi giorni, dopo la notizia della morte del bimbo di sei anni, malato di leucemia, a causa delle complicanze da morbillo. 

Come ha comunicato in una nota l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera: "Ci tengo a sottolineare come solo l'immunità di gregge, cioè la vaccinazione di oltre il 95% dei bambini, sia l'unica strada per tutelare soggetti immunodepressi o che hanno contratto malattie come nel caso del piccolo del San Gerardo, che per queste ragioni non possono vaccinarsi".

 

Ma perché? E che cosa è questa "immunità di gregge"?

Come riportato nel portale del Ministero della Salute, l'immunità di gregge è "la soglia di copertura vaccinale del 95%, come raccomandato dall’OMS" che garantisce "il livello di immunizzazione di una collettività che permette di proteggere i più fragili e chi non può vaccinarsi".  

 

E' in pratica una specie di scudo di protezione, che limita "la circolazione di un determinato microbo ed evita il riemergere di malattie ormai sotto controllo, difendendo così anche le fasce di popolazione più vulnerabili come anziani, bambini molto piccoli ancora non completamente vaccinati e soggetti a rischio".

 

Il punto è che più persone sono immuni a un certo virus o batterio, più è difficile per quel microrganismo diffondersi nella popolazione, fino a un punto in cui la trasmissione diventa praticamente impossibile. Oltre quella soglia, risultano protette anche le persone che non sono immuni: per questo si parla di immunità di gruppo o di gregge. Sotto la soglia, il rischio di malattia aumenta, per tutti i non vaccinati. Ecco perché è importante che le vaccinazioni raggiungano certi livelli minimi di copertura.