News

Influenza 2015-2016: vaccinazione importante per i bambini con malattie croniche

virusah1n1
02 Ottobre 2015
L'influenza tornerà a colpire questo autunno-inverno con il picco tra dicembre e febbraio. Tra i vari ceppi, anche il virus AH1N1. La vaccinazione sarà disponibile nei prossimi giorni ed è raccomandata alle categorie a rischio come i bambini affetti da determinate patologie e i loro familiari.
Facebook Twitter Google Plus More

Arriverà nel tardo autunno, tra ottobre e novembre e si stima colpirà dai 4 ai 5 milioni di italiani. Di questi, il 15-30% circa saranno bambini. Stiamo parlando dell'influenza 2015-1016 e il picco sarà tra dicembre e febbraio. Tra i vari ceppi che ci raggiungeranno, ci sarà anche quello del virus AH1N1, già presente nel 2009.

 

«La vaccinazione è lo strumento di prevenzione più efficace per le categorie a rischio come i bambini affetti da determinate patologie», spiega Alberto Villani responsabile di Pediatria Generale e Malattie Infettive del Bambino Gesù. (Leggi anche: 7 cose da sapere sull'influenza 2015-2016)

 

Vaccinazione importante per categorie a rischio e malati cronici

 

La vaccinazione è importante per prevenire ospedalizzazioni, complicanze e morte premature. «Tutti i genitori che hanno un figlio con una malattia cronica devono vaccinarlo proprio per evitare la possibilità che contragga l’influenza – raccomanda Villani – Si tratta di categorie a rischio per le quali una semplice influenza può diventare una malattia di particolare gravità. Per lo stesso motivo, sarebbe opportuno che anche i genitori di bambini affetti da patologie croniche e, più in generale, chiunque sia frequentemente a contatto con loro, si vaccinino».

 

I bimbi particolarmente a rischio sono quelli affetti da: asma grave e altre patologie respiratorie; diabete e altre malattie endocrine; malattie cardiovascolari; malattie renali croniche; malattie epatiche croniche; tumori; malattie metaboliche; malattie muscolari e neurologiche che colpiscono la funzione respiratoria; malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie; pazienti con immunocompromissione congenita o acquisita.

 

La vaccinazione per l'influenza andrebbe ripetuta ogni anno (i virus si modificano a ogni stagione), prima dell'arrivo della stazione influenzale. E la sua efficacia può variare, a seconda dei virus circolanti. Solitamente è disponibile dai primi di ottobre. 

 

Guarda anche il video: il bambino ha l'influenza

I ceppi di quest'anno: l’AH1N1, l’AH3N2 e il B Pukhet

 

Quest’anno i ceppi saranno l’AH1N1 di origine californiana - già “incontrato” nel 2009 - l’AH3N2 di origine svizzera e il B Pukhet proveniente dall’Australia.

 

L'influenza nel bimbo sano, non deve preoccupare. L'importante è governare i sintomi (febbre, dolori, sintomi respiratori) e nel caso il decorso della malattia dovesse superare i consueti 4/6 giorni, chiedere un parere medico per evitare complicanze. I bimbi che necessitano di ricovero perché gravi e/o con complicanze, rappresentano comunque una minoranza.

 

Fonte: Ospedale Bambino Gesù

 

Dal forum: aiuto influenza!