Salute

Pediatri Sipps bocciano la proposta M5S Lombardia su stop obbligo vaccinazioni

vaccini
18 Marzo 2014
La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale prende posizione contro la proposta del Movimento 5 Stelle in Lombardia di abolire l'obbligo di vaccinare i bambini.Della stessa opinione Anna Teresa Palamara, presidente della Società Italiana di Microbiologia che dichiara: "Non c'è nessuno studio che dimostri un legame tra vaccinazioni e insorgenza di malattie".
Facebook Twitter Google Plus More

Vaccinazioni sì, vaccinazioni no. Il dibattito da sempre molto acceso soprattutto in rete, si è infiammato ancora di più dopo la proposta del Movimento 5 Stelle in Lombardia di abolirne l'obbligo.

Immediata è stata la risposta della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS). A parer loro questa proposta potrebbe arrecare un danno molto grave ai bambini e agli adolescenti.

"Se da un lato è corretto sostenere una scelta consapevole e responsabile da parte delle famiglie in merito alla vaccinazioni, lasciando loro la facoltà di decidere se proteggere o no i propri figli da malattie potenzialmente gravissime – afferma il professor Gianni Bona, vicepresidente della SIPPS – non va mai tuttavia dimenticato che le vaccinazioni sono divenute ormai una procedura di sanità pubblica. Le vaccinazioni contribuiscono in modo determinante alla protezione dell’intera collettività: oltre a tutelare la salute dei singoli individui, infatti, esse impediscono la circolazione e la diffusione degli agenti infettivi”.

Questo fenomeno si chiama immunità di gregge, cioè quando una quota molto elevata (solitamente il 90%) della popolazione è provvista di anticorpi verso una determinata malattia. Una sospensione dell’obbligo vaccinale con una riduzione inevitabile delle coperture vaccinali, avverte la SIPPS, porterebbe a una ripresa delle infezioni, come è accaduto in anni recenti in ex Unione Sovietica per la difterite o in Albania per la poliomielite.

Leggi anche lo speciale: VACCINAZIONI AI BAMBINI

e VACCINAZIONI OBBLIGATORIE E VOLONTARIE. IL CALENDARIO

A ribadire l'importanza per la salute delle vaccinazioni è la presidente della Società' Italiana di Microbiologia (Sim), Anna Teresa Palamara: "Non c’è ad oggi uno studio serio che abbia dimostrato una correlazione reale tra vaccinazione e insorgenza di un qualche tipo di malattia. A meno che non ci si riferisca a problemi che riguardano la produzione di vaccini come, ad esempio, lotti non correttamente inattivati o altri difetti nel processo produttivo. Ma qui siamo nel campo dell’errore ed è un’altra cosa”.

”'Credo - dice l'esperta - che se tornassimo indietro sulle vaccinazioni a livello di sanità pubblica faremmo un balzo indietro di 50 anni, perché le vaccinazioni hanno realmente cambiato la storia e l'evoluzione delle malattie.

Le vaccinazioni ci hanno quasi del tutto liberato da malattie molto gravi come la poliomielite, la difterite o il vaiolo. Se non avessimo avuto la protezione di quelle vaccinazioni, insomma, oggi il numero di persone decedute o con patologie importanti sarebbe enormemente maggiore, cosi’ come si osserva in quei paesi in cui non vengono utilizzati”, conclude l'esperta.

Sul nostro FORUM potete discutere con altri genitori sul tema vaccinazioni