Vaccinazioni

Vaccinazioni ai bambini: perché farle

Di Valentina Murelli
vaccinazione
17 Marzo 2016
Negli ultimi anni, a livello internazionale, è aumentata la diffidenza dei genitori nei confronti delle vaccinazioni, anche a causa di disinformazione. Ecco però che cosa rischiano i bambini "non coperti".
Facebook Twitter More

Gennaio 2016: Lia, 6 anni, non può andare a scuola perché i compagni non sono vaccinati. Lia è immunodepressa e non si può vaccinare. Ottobre 2015: una bimba di un mese di Bologna muore di pertosseSpagna, giugno 2015: un bambino di sei anni è morto di difterite, malattia che mancava dal paese da quasi 30 anni. Il piccolo non era vaccinato. Pochi mesi prima, a Roma, una bimba di quattro anni era morta per una rara complicazione del morbillo. Anche lei non era vaccinata. E ancora, la scorsa estate ci sono stati due casi di paralisi da poliomielite in Ucraina, sempre in bambini non vaccinati. 

 

Eventi sporadici, è vero, ma gravissimi, anche perché spia di una tendenza. "Negli ultimi anni, a livello internazionale, è aumentata la diffidenza nei confronti dei vaccini" commenta Paolo Bonanni, professore di igiene all'Università di Firenze e coordinatore del gruppo di lavoro sui vaccini della Società italiana di igiene.

 

Colpa di vari fattori, tra i quali un'informazione distorta, che soprattutto sul web corre veloce.

 

Risultato? Le vaccinazioni calano, con persistenza di malattie che potremmo facilmente sconfiggere, come il morbillo, o il rischio che ne tornino altre ormai date per scomparse, come difterite o poliomielite.

 

Ad andarci di mezzo non sono solo i bambini delle famiglie che scelgono di non vaccinarli (e già questo sarebbe grave), ma anche quelli che, per ragioni mediche, non possono essere vaccinati, per esempio perché allergici ai vaccini o affetti da immunodeficienze.

 

L'immunità di gregge : ecco a che cosa serve

 

"La vaccinazione è un atto di protezione non solo individuale, ma anche sociale" spiega l'esperto. Più persone sono immuni a un certo virus o batterio, più è difficile per quel microrganismo diffondersi nella popolazione, fino a un punto in cui la trasmissione diventa praticamente impossibile. Oltre quella soglia, risultano protette anche le persone che non sono immuni: per questo si parla di immunità di gruppo o di gregge. Sotto la soglia, il rischio di malattia aumenta, per tutti i non vaccinati.

 

Ecco perché è importante che le vaccinazioni raggiungano certi livelli minimi di copertura.

 

Del resto, i rischi sono molti meno di quelli temuti. "Il più grave, ma raro, è il rischio di shock anafilattico. Va detto però che i centri vaccinali sono attrezzati per fronteggiarlo, per cui in genere non ha conseguenze" spiega Bonanni. "Altri possibili effetti collaterali sono decisamente più lievi, come la febbre o il dolore nel punto di iniezione".

 

Non c'è invece alcuna dimostrazione scientifica di un legame tra vaccini e autismo: si tratta di una "bufala" che prende origine da una vera e propria frode scientifica.

Leggi anche: vaccinazioni, le risposte ai 3 grandi dubbi dei genitori

 

Guarda anche il video sulle vaccinazioni ai bambini