Nostrofiglio

Vaccini

Vaccini obbligatori: ecco come funziona l'obbligo

Di Valentina Murelli
vaccinazionebambini

25 Agosto 2017
Il Ministero della salute ha emanato una circolare con tutte le informazioni operative relative alla legge sulle vaccinazioni obbligatorie (legge 119 del 31 luglio 2017). Vediamo in dettaglio di cosa si tratta. 

Facebook Twitter Google Plus More
La legge sulle vaccinazioni obbligatorie - legge 119 del 31 luglio 2017 - è definitivamente in vigore, e Asl, asili e scuole si stanno organizzando per soddisfare gli obblighi previsti. Ma come funzionano esattamente le cose?
 
Lo chiarisce una circolare operativa emanata dal Ministero della salute il 16 agosto scorso. Vediamo tutti i dettagli.
 
Sono state portate a dieci le vaccinazioni obbligatorie  per bambini e ragazzi da zero a 16 anni. L'obbligo riguarda sia le prime dosi sia i richiami e interessa anche i minori stranieri non accompagnati. I dieci vaccini obbligatori sono: 
antipoliomielitica; 
antidifterica; 
antitetanica; 
antiepatite B; 
antipertosse; 
anti Haemophilus influenzae di tipo b; 
antimorbillo; 
antiparotite; 
antirosolia; 
antivaricella. 
 
I nati a partire dal 2017 dovranno farle tutte, secondo il calendario previsto dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019. I nati dal 2001 al 2016, invece, sono di fatto esonerati dal vaccino contro la varicella, perché nel momento in cui sono stati (o avrebbero dovuto) essere vaccinati, questo vaccino non era previsto dal calendario allora in vigore. 
 
Per i vaccini contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, la legge prevede che la disposizione dell'obbligo vada rivista ogni tre anni: compatibilmente con i dati sulla diffusione delle malattie e le coperture vaccinali, infatti, l'obbligo potrebbe essere abolito. 
 
Cosa succede se non si fanno i vaccini obbligatori
Se un bambino non è in regola con le vaccinazioni previste dalla legge - e se i suoi genitori rifiutano di metterlo in regola anche dopo essere stati convocati dall'Asl  per un dettagliato colloquio informativo - per prima cosa scatta una multa: da 100 a 500 euro. 
 
In caso di vaccinazioni coniugate, la multa è una sola: la famiglia del bambino che, a tre mesi, dovrebbe fare le sei vaccinazioni previste dal calendario (contro polio, difterite, tetano, pertosse, Haemophilus ed epatite) e non le fa si vede somministrare una sola multa, non sei, e se la vede somministrare una sola volta, dopo di che l'obbligo nei confronti di quelle vaccinazioni è considerato estinto. La stessa famiglia, però, potrà vedersi somministrata una nuova multa se dovesse far saltare anche le vaccinazioni successive (morbillo, parotite, rosolia e varicella, a 13-15 mesi). 
 
Anche se ha pagato la multa, il bambino senza le vaccinazioni previste non potrà accedere ad asili nido e scuole d'infanzia. Potrà invece accedere alla scuola dell'obbligo. 
 
Vaccini: perché sono diventati obbligatori 
La circolare del Ministero si apre con un lungo paragrafo dedicato a spiegare perché, a un certo punto, si è deciso di introdurre una legge che impone l'obbligo di alcune vaccinazioni e che va dunque in controtendenza rispetto all'atteggiamento dominante in sanità pubblica negli ultimi 15 anni. Finora, infatti, era stato privilegiato un percorso che mirava all'adesione "consapevole e volontaria" alle vaccinazioni, che fossero obbligatorie o raccomandate. Per altro, la mancata vaccinazione dei vaccini obbligatori non comportava sanzioni particolari, né tantomeno il rifiuto all'ammissione a scuola. Perché, dunque, oggi le cose sono cambiate? 

Perché - spiega la circolare - a partire dal 2013 si è registrato un progressivo trend in diminuzione del ricorso alle vaccinazioni, sia obbligatorie sia raccomandate. In altre parole, ci si vaccina sempre meno, il che, per alcune malattie, ha determinato un calo della copertura vaccinale al di sotto di quella soglia del 95% della popolazione, indicata dall'Organizzazione mondiale della sanità come soglia minima per il raggiungimento dell'immunità di gruppo (o di gregge). Solo al di sopra di questa soglia, per alcune malattie si garantisce che il microrganismo responsabile smetta di fatto di circolare, proteggendo anche chi non può essere vaccinato o non risponde alla vaccinazione. 
La circolare propone in particolare l'esempio dei vaccini contro morbillo e rosolia, la cui copertura è passata, dal 2013 al 2015, dal 90,4% all'85,3%. 
 
Vaccini raccomandati, quali sono
La circolare ricorda che, per legge, altre vaccinazioni dovranno essere offerte in maniera attiva e gratuita ai genitori dei nuovi nati:
antimeningococcica B; 
antimengingococcica C (nei primi anni di vita), o antimeningococcica tetravalente ACWY in adolescenza; 
antipneumococcica; 
antirotavirus.
Il Ministero giustifica la non obbligatorietà di queste vaccinazioni con il fatto che prevengono malattie meno frequenti nel nostro paese, o non particolarmente contagiose. 
Inoltre, in adolescenza è prevista la vaccinazione contro Hpv, sia nei maschi sia nelle femmine. 
 
Esoneri: quando il bambino ha già fatto la malattia
Ci sono due casi possibili nei quali si può evitare la vaccinazione:
 

1. Se il bambino ha già fatto la malattia contro la quale doveva essere vaccinato, come testimoniato o dall'apposita notifica fatta all'Asl dal suo medico curante o da una dichiarazione del medico stesso, alla quale va allegato un esame del sangue che attesti la presenza di anticorpi protettivi. Il test non è gratuito, ma a carico di chi lo richiede. La legge prevede invece che sia gratuito per la famiglia il rilascio del certificato da parte del pediatra curante (una disposizione che però non piace a molti pediatri).

Se il vaccino contro la malattia in questione è contenuto all'interno di formulazioni multicomponenti, la famiglia può chiedere che il bambino sia vaccinato solo per le altre malattie, con vaccini monocomponenti oppure vaccini combinati, ma privi dell'antigene in questione. 

 
Va precisato, però, che non è detto che questi vaccini siano disponibili - al momento, per esempio, non sono autorizzati in Italia vaccini monocomponenti contro difterite, pertosse, morbillo, rosolia e parotite. E anche se lo fossero, non è detto che sia sempre possibile ottenerli. Da un lato, considerato che i monocomponenti costano di più non è detto che le Regioni intendano acquistarli. "Dall'altro, bisogna anche verificare la reale disponibilità da parte delle aziende a fornirli" precisa Pier Luigi Lopalco, professore di igiene all'Università di Pisa. "Molti di questi vaccini sono in realtà o dismessi o prodotti in piccole quantità per motivi speciali, per cui non è detto che, anche se le regioni facessero le gare per acquistarli, le ditte si presenterebbero".
 
La circolare precisa dunque che se le formulazioni "particolari" non sono disponibili, la profilassi andrà completata con i vaccini combinati esistenti, sottolineando che non ci sono controindicazioni a vaccinare che ha già fatto la malattia. Per altro, i vaccini combinati non dovrebbero preoccupare più di tanto: non solo il sistema immunitario del bambino è perfettamente in grado di ricevere più "principi attivi" (antigeni vaccinali) contemporaneamente, ma contengono anche meno eccipienti rispetto alla somma dei monovalenti. "Inoltre, riducono il numero di eventi avversi, come convulsioni febbrili o eventi allergici gravi, che è legato al numero di somministrazioni" precisa Lopalco. 
 
Esoneri: quando il vaccino è un pericolo
L'altra possibilità di esonero si verifica quando il vaccino stesso rappresenta un pericolo per la salute del bambino. In generale, è controindicazione assoluta alla vaccinazione il fatto che il piccolo abbia avuto una reazione allergica grave (shock anafilattico) dopo la somministrazione di una dose precedente, o a un componente del vaccino (Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni, Istituto superiore di sanità). La presenza di una malattia grave o moderate, con o senza febbre, non è di per sé controindicazione assoluta: per decidere se vaccinare o meno va valutato caso per caso il rapporto rischi-benefici.  
 
La documentazione da presentare
Ma chi si preoccupa di verificare che il bimbo che deve frequentare il nido, l'asilo o la scuola sia in regola con gli obblighi previsti? Per l'anno scolastico in arrivo, dovrebbero essere i genitori a presentare la documentazione necessaria - certificazioni come il libretto vaccinale o attestazioni dell'Asl, oppure autocertificazioni - agli istituti ai quali sono iscritti i bambini, che provvederanno poi a trasmetterla all'Asl. Certificazioni o autocertificazioni vanno presentate entro il 10 settembre per nidi e scuole d'infanzia ed entro il 31 ottobre 2017 per scuole dell'obbligo. In caso di autocertificazione, la documentazione attestante l'avvenuta vaccinazione va presentata entro il 10 marzo 2018.
 
 
"Alcune Asl, però, si stanno organizzando direttamente con le scuole, in modo da evitare ai genitori in regola alcun fastidio" afferma Lopalco. "Per esempio, le scuole mandano gli elenchi degli iscritti alle Asl, che fanno i dovuti controlli e rimandano alle scuole i nominativi dei bambini a posto con le vaccinazioni, mentre le famiglie degli inadempienti saranno chiamate a controllare lo stato vaccinale del figlio". Per legge, comunque, questo meccanismo dovrebbe comunque andare a regime, per tutte le regioni e tutte le Asl, nel 2019, cioè con il prossimo anno scolastico. 
 
Docenti e operatori sanitari: per loro un questionario sullo stato vaccinale

La nuova legge sulla prevenzione vaccinale è stata molto contestata, per vari motivi. Tra questi, il fatto che prevede l'obbligo delle vaccinazioni solo per i bambini e non, per esempio, per docenti e per operatori sanitari, cioè categorie professionali che possono avere un ruolo importante nella diffusione di malattie infettive. La circolare operativa, però, sembra fare un primo passo in avanti quanto meno nel prendere in considerazione anche queste categorie e nel mostrare che sono sotto osservazione. Prevede infatti che, entro tre mesi dall'entrata in vigore della legge, tutti gli operatori scolastici e sanitari debbano presentare alle loro sedi di lavoro un'autodichiarazione sulla propria situazione vaccinale. Per ora, comunque, questo certificato ha puro significato di raccolta dati.