Ricerca e psicologia

Ai bambini più scatole di cartone e meno giocattoli! Ecco perché

Di Sara De Giorgi
scatolacartone
07 Maggio 2019
In base a un recente studio portato avanti da psicologi americani, i bimbi che sono in età prescolare sono molto più attratti dagli oggetti generici e che si usano ogni giorno che da giocattoli particolari e specifici. Dunque più scatole di cartone e meno giocattoli acquistati!
Facebook Twitter More

I bambini piccoli non hanno bisogno di innumerevoli e particolari giocattoli per divertirsi: spesso basta una semplice scatola di cartone per intrattenerli.

 

Infatti, secondo un recente studio dell'Università dell'Alabama i bimbi che sono in età prescolare sono molto più attratti dagli oggetti di uso quotidiano e generici che da giocattoli ben definiti. Il motivo di ciò è nel fatto che gli oggetti come, ad esempio, semplici scatole di cartone sono più versatili e possono divenire qualsiasi cosa grazie all'immaginazione dei piccoli, così come un bastoncino può diventare una spada e via dicendo.

 

LEGGI PURE: Giochi con le scatole di cartone


I ricercatori hanno lavorato con 66 bambini di tre, quattro e cinque anni, offrendo loro quattro oggetti essenziali: un cerchio semplice, un rettangolo semplice, un oggetto rotondo disegnato in modo tale da sembrare un orologio e un oggetto rettangolare dipinto in modo da farlo sembrare un libro.

 

In seguito, è stata narrata ai bambini una storia nell'ambito della quale, in alcune situazioni, occorrevano determinati oggetti. Ai piccoli è stato chiesto quale oggetto, generico o specifico, fosse necessario all'interno della situazione ed è stato domandato anche di generare una lista di possibili "sostituti".

 

I bambini hanno scelto la forme giuste nel 92% delle volte in base alle situazioni e hanno chiaramente mostrato una preferenza per gli oggetti non contrassegnati, scegliendoli nel 65% dei casi.

 

TI PUO' INTERESSARE: Lavoretto per bimbi, le scatole misteriose ispirate al metodo Montessori

 

In particolare, secondo gli studiosi, gli oggetti con bassa specificità portano ad avere una maggiore capacità di "sostituzione". In altre parole, l'aumento della specificità dell'oggetto sembra influenzare negativamente i bambini: più un oggetto assomiglia a qualcos'altro, minore è lo sforzo creativo dei piccoli. Dalla ricerca è emerso che ciò è particolarmente evidente nei bambini di 5 anni.

 

Considerando questi risultati, viene fuori l'idea che gli spazi di gioco per bambini possano trarre beneficio dall'inclusione di oggetti generici con pochi dettagli, come scatole di cartone, bastoncini, ciottoli e rotoli di carta igienica, ecc.

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: