ricerca

Altezza? Dipende da geni ma anche dalla ricchezza

altezzabambini
04 Ottobre 2017
L'altezza di una persona dipende in gran parte dai geni, ma anche da condizioni esterne. Per esempio dal livello di istruzione, dall'ambiente sociale in cui cresce e dal benessere economico.
Facebook Twitter More

Mamma e papà alti? Come crescerà il bimbo?

La sua altezza dipenderà in parte dal suo patrimonio genetico, in parte (circa il 20%) quanto sarà alto sarà determinato da condizioni esterne. Tra queste, il livello di istruzione, l'ambiente sociale e il benessere economico.

 

A stabilirlo è la ricerca di uno studio pubblicato sul British medical journal, condotto in quattro diversi Paesi europei (Regno Unito, Irlanda, Portogallo e Finlandia). Gli studiosi hanno seguito dalla nascita e per 21 anni oltre 49 bambini. Dal 1980 al 2014. E hanno misurato differenze di altezze in bimbi cresciuti in ambienti sociali differenti.

I risultati? Secondo la ricerca i bimbi di mamme con un'educazione minore sono in media più bassi. La differenza più grande emerge intorno ai tre anni di età e le differenze continuano fino all'adolescenza e all'età adulta.

 

L'ambiente e l'altezza

Non è il solo studio ad aver analizzato le condizioni sociali e l'altezza delle persone.

Nel 2015 per esempio, il Journal of Pediatrics aveva pubblicato uno studio dell'Università di Tel Aviv.

I ricercatori guidati da Ze'ev Hochberg e Alina German avevano scoperto che non contano solo i geni per determinare l'altezza di una persona, ma anche l'ambiente, cioè il ventre materno, la nutrizione e la salute nel primo anno di vita, la struttura familiare, gli eventi economici ed emotivi.

 

"Non c'è dubbio che molte delle nostre caratteristiche siano genetiche. Tuttavia il nostro studio evidenzia che le condizioni ambientali giocano un ruolo molto significativo, circa il 50%, nel determinare la crescita e l'altezza" era stata la dichiarazione di Hochberg.

 

Per saperne di più: lo studio Socioeconomic differences in children’s growth trajectories from infancy to early adulthood: evidence from four European countries