News

Angelina Jolie si fa rimuovere le ovaie per prevenire il cancro

angelinajolie
24 Marzo 2015
Dopo essersi sottoposta a una doppia mastectomia, Angelina Jolie ha deciso di farsi rimuovere tube di falloppio e ovaie per prevenire il cancro. Secondo un test genetico aveva il 50% di probabilità di ammalarsi. La lettera di Angelina al quotidiano statunitense New York Times: "So che i miei figli non diranno mai 'mamma è morta per un cancro ovarico' ". Ora è in menopausa.
Facebook Twitter More

Dopo aver subito una doppia mastectomia preventiva nel 2013, la decisione. Farsi rimuovere anche ovaie e tube di falloppio per prevenire la possibile formazione di un tumore. 

 

Questa la decisione dell'attrice Angelina Jolie, 39 anni, che ha raccontato la sua storia sul quotidiano americano New York Times.

 

Angelina ha avuto tre casi di tumore in famiglia

 

La madre di Angelina Jolie ha combattuto per 10 anni contro un tumore ed è morta all'età di 56 anni. Ha perso a causa del cancro anche la nonna e la zia. Dopo aver fatto un test genetico, Angelina ha saputo di avere il 50% di probabilità di ammalarsi di tumore alle ovaie. E l'87% di tumore al seno. (Leggi anche: più facile diventare mamma anche dopo un tumore al seno)

 

Come scrive lei stessa sul New York Times: "Ci ho pensato a lungo. E' un'operazione meno complessa di una mastectomia, ma gli effetti sono più severi. Mette la donna in una condizione di menopausa forzata." Si è informata, ha cercato alternative, pareri medici. E poi, la chiamata del medico due settimane fa. Sugli esiti degli esami del sangue che fa ogni anno, proprio per la sua condizione familiare. "Ci sono una serie di marker infiammatori che sono elevati, e nel loro insieme potrebbero essere un segno di cancro precoce".

 

Le analisi sono continuate, ha fatto ecografie e la scansione PET/CT per sapere di non avere un tumore. E non lo aveva. Aveva la possibilità di rimuovere a questo punto ovaie e tube di falloppio. E Angelina Jolie ha scelto di farlo.

 

"Mi sento ancora molto femminile"

 

"Non ho preso questa decisione semplicemente perché porto con me la mutazione del gene BRCA1, e voglio che altre donne sappiano questa cosa. Un test BRCA positivo non significa necessariamente un ricorso alla chirurgia. Ho parlato con molti medici, chirurghi e naturopati. Ci sono altre possibilità. Alcune donne prendono la pillola anticoncezionale o utilizzano medicine alternative combinate con controlli frequenti. C’è più di un modo per far fronte a qualsiasi problema di salute. La cosa più importante è quella di conoscere le opzioni e scegliere ciò che è giusto per ognuno. Nel mio caso, i medici orientali e occidentali che ho incontrato hanno convenuto che rimuovere le mie tube e ovaie era l’opzione migliore, perché tre donne della mia famiglia sono morte di cancro" continua Angelina.

 

L'attrice, che è mamma di sei bimbi tra naturali e adottati, continua spiegando: "Mi sento ancora molto femminile. So che non è possibile rimuovere tutti i rischi. Ma so anche che i miei figli non diranno mai 'mamma è morta per un cancro ovarico' ".

Fonte: New York Times, maggio 2013; New York Times, 24 marzo 2015