App

App trasforma i passaggi ai figli in faccende domestiche: ecco come responsabilizzarli

Di Sara De Giorgi
faccendedomestiche
22 Luglio 2019
I chilometri effettuati dai genitori con la macchina per i figli trasformati in piccole faccende domestiche per loro: è il concetto alla base di un'applicazione che ha lo scopo di rendere i figli più responsabili. Alla base di questa applicazione c'è una logica molto semplice: così come i taxi chiedono soldi in cambio dei trasporti, anche mamma e papà chiedono, in cambio dei passaggi, la realizzazione di faccende domestiche.
Facebook Twitter More

Se siete siete stanchi perché siete sempre in giro in macchina ad accompagnare i vostri figli ovunque e desiderate che loro si responsabilizzino di più, potete scaricare sul vostro telefono l'applicazione che trasforma i passaggi ai figli in faccende domestiche. Ma... quali caratteristiche ha esattamente questa app?

 

LEGGI ANCHE: Autostima bambino, 8 consigli per crescere figli forti e sicuri di sé

 

Si chiama "Parent Taxi" ed è stata ideata dall'azienda automobilistica Skoda per dare valore, agli occhi dei bambini, ai numerosi viaggi in macchina che i genitori fanno quotidianamente per accompagnare i figli a casa dei compagni di classe, a lezione di nuoto, al luna park, ecc. Alla base di questa applicazione c'è una logica davvero semplice e utile: così come i taxi chiedono soldi in cambio dei trasporti, anche mamma e papà chiedono, in cambio dei passaggi, la realizzazione di piccole faccende domestiche.

 

TI PUO' INTERESSARE: Come educare i bimbi alle regole secondo il metodo Montessori

 

Dunque, maggiore è il numero dei chilometri effettuati, più sono i piccoli lavoretti da svolgere. Il concetto alla base della creazione dell'app è dare responsabilità ai bambini, facendo avere loro, al termine della giornata, una breve ricevuta, proprio come se i genitori fossero conducenti di taxi.

 

Addirittura, tra i servizi che possono essere affidati ai più piccoli, c'è l'opzione "Portare la colazione a letto a mamma e papà".

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: