Asili nido

Asili nido: in Italia solo 1 bimbo su 4 va all'asilo nido

asilobambini
23 Dicembre 2015
Rispetto all'Europa, l'Italia è indietro per i posti negli asili nido:  solo il 25% dei bambini italiani sotto i 3 anni frequenta una struttura. Alcuni Paesi del Nord Europa, per esempio Estonia, Slovenia, Finlandia, Svezia, Norvegia e Danimarca, garantiscono a ogni bambino il diritto al nido fin dalla nascita. 
Facebook Twitter More

Mandare il bimbo all'asilo nido oppure no? A volte il pensiero neppure si pone: non sempre si riesce a trovare posto o le liste d'attesa sono interminabili. Ne è la prova uno studio condotto da Eurydice, che su incarico del Ministero dell'Istruzione, opera nell'ambito della rete europea di informazione sull'istruzione.

 

Secondo Eurydice nelle materne italiane vanno il 98% dei bimbi (la media degli altri Paesi dell'Unione Europea è del 94%), un risultato molto positivo per il nostro Paese dato che l'obiettivo per gli Stati membri è che almeno il 95% dei bambini di 4 anni frequenti l’istruzione preprimaria (quella precedente all’inizio della scuola dell’obbligo).

 

All'asilo? Solo 1 bimbo su 4

 

Diversa però la situazione dei bimbi più piccoli. Per gli asili nidi siamo fermi al 25%. Solo un bimbo su quattro li frequenta.

 

Perché è importante l'asilo nido? È opinione condivisa che l’accesso a buoni servizi ECEC (acronimo che sta per Early Childhood Education and Care) porti grandi benefici a tutti i bambini, in particolare a quelli che provengono da contesti svantaggiati. Benefici che in seguito hanno una ricaduta positiva sulla società. Questo significa una riduzione di spesa pubblica futura per welfare, salute e giustizia.

 

E se in Italia solo 1 bimbo su 4 frequenta un nido, la situazione europea è diversa. 

In Danimarca  il 74% dei bambini sotto i 3 anni frequenta un centro ECEC. Seguono Olanda, Svezia e Francia con il 50%.

 

Inoltre Estonia, Slovenia, Finlandia, Svezia, Norvegia e Danimarca garantiscono il diritto all’ECEC ad ogni bambino fin dalla nascita.

 

Importante è anche la questione sulla qualità degli asili. E' necessario quindi formare personale competente, migliorare l’insegnamento e l’apprendimento tramite l’offerta di linee guida educative e valutare il servizio per garantire il rispetto di standard di qualità.

 

Fonti per questo articolo: Eurydice e Erasmusplus.it