Londra

Attentato di Londra: tra le vittime un papà e una mamma

londrapontewestminster
24 Marzo 2017
22 marzo. Londra si ferma. Un killer lanciato a 100 km all'ora falcia i passanti sul Westminster Bridge. Tra le vittime, l'insegnante travolta sulla strada mentre andava a prendere le figlie, il poliziotto disarmato, accoltellato dal terrorista e l'ingegnere in vacanza con la moglie.
Facebook Twitter More

Il poliziotto disarmato attaccato dal killer. Una mamma che stava andando a prendere le figlie. Un americano in vacanza con la moglie. A due giorni dall'attacco nel cuore di Londra, si contano le vittime e i feriti e si raccontano le storie di chi ha incontrato l'assassino, Khalid Masood, 52 anni, insegnante, con precedenti penali, sul ponte di Westminster il pomeriggio del 22 marzo. [Leggi anche: attentati terroristici, come spiegarli ai bambini]

 

Come racconta la BBC, sono state uccise in tutto quattro persone, insieme all'assalitore, nell'attacco di mercoledì. I feriti sono una quarantina, di 11 Paesi differenti. 29 hanno avuto bisogno di cure ospedalieri e alcuni sono ancora in gravi condizioni. Non si sanno ancora i dettagli di tutte le vittime.

 

Tra questi c'era Keith Palmer, 48 anni, poliziotto in servizio a Westminster e papà di una bimba di cinque. A momento dell'attacco del terrorista non aveva armi. Ha provato a salvarlo il parlamentare Tobias Ellwood, ma senza esito. Era entrato nella polizia nel 2002 e tra i colleghi è partita una colletta di solidarietà da dare alla famiglia. Sono già state raccolte 250mila sterline.

Poi c'è l'insegnante Aysha Frade, 43 anni. E' stata travolta dall'auto dell'attentatore diventando la prima vittima nota dell'attacco. Stava andando a prendere le figlie di sette e nove anni. 

Kurt Cochran, americano, 54 anni, era ingegnere del suono. In vacanza a Londra con la moglie per festeggiare il loro venticinquesimo anniversario di matrimonio. Nell'attacco la compagna è stata ferita gravemente, ma non sarebbe in pericolo di vita. E' ricoverata con una gamba rotta e una ferita alla testa. L'annuncio della morte è stato dato dalla cognata dalla sua pagina Facebook.

 

Tra i volti della strage, c'è anche quello di Andreea Cristea, 29 anni, tutt'ora ricoverata. Il corpo, come si vede in un video amatoriale girato durante l'attacco, cade nel Tamigi dal ponte di Westminster. Non si sa se sia caduta o tuffata. E' rumena, fa l'architetto ed era a Londra per festeggiare il compleanno del fidanzato. Lui se l'è cavata con una ferita a un piede. Lei ha brutte ferite alla testa e danni ai polmoni. 

[Leggi anche: come spiegare l'Isis ai nostri figli]

 

Per saperne di più: London attack: The victimsLondon Attack Leaves Citizens of 10 Nations Dead or Injured