Mondo bambini

Bambina di 5 anni raccoglie 25mila dollari per il fratellino malato vendendo limonata

bwlemonade065jpg.size.xxlarge.letterbox
20 Aprile 2015
Na'ama Uzan, una bimba canadese di soli cinque anni, ha messo su un chiosco per vendere limonate in strada in un quartiere nella zona Nord di Toronto, per aiutare il suo fratellino Nadav, sette anni, affetto dalla sindrome di  Angelman, una malattia del neurosviluppo di origine genetica
Facebook Twitter More

Na'ama Uzan è una bimba canadese di soli cinque anni. Per aiutare il suo fratellino Nadav, sette anni, affetto dalla sindrome di  Angelman, ha messo su un chiosco per vendere limonate e cioccolata in strada in un quartiere nella zona Nord di Toronto.

 

La notizia, comparsa sul Telegraph on line, ha fatto il giro dei giornali del mondo anche perché la bimba ha raccolto la sorprendente cifra di 25mila dollari, destinati alla Fast (Foundation for Angelman Syndrome Therapeutics). 

 

La sindrome di  Angelman è una malattia del neurosviluppo di origine genetica, caratterizzata da ritardo mentale, difficoltà motorie e incapacità di parlare e che colpisce in media un nato ogni 15mila.

 

Na'ama Uzan utilizza uno sgabellino per raggiungere il bancone e servire i clienti. In estate propone limonata e cioccolata calda durante l'inverno, con muffin e pasticcini per chi ha fame.

 

Il suo coraggio ha spinto una coppia con un bimbo affetto da sindrome di Angelman ad aggiungere alla somma altri 22mila dollari, permettendo così di raggiungere 47mila dollari da destinare alla ricerca per l'Associazione di cui è testimonial l'attore Colin Farrell, il cui figlio James è affetto dalla stessa patologia.

 

Na'ama in un anno ha avuto l'aiuto di altri bambini e altre persone del suo quartiere, che le hanno permesso di  mettere su altri tre chioschi: “E ' sorprendente come anche alla loro giovane età, si rendano conto che possono fare qualcosa per aiutare Nadav” spiega il papà, David,  mentre la piccola, parlando dell'amore per il suo fratellino, sottolinea: "E'più di una tonnellata. Non posso dire quanto. Non finisce mai”.

 

Potrebbe interessarti anche 'Understanding Stanley': il progetto di Rosie Barnes sull'autismo

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Giocare al mercatino con i bambini