Doppio cognome

Bambini con doppio cognome: ora si può

Di Niccolò De Rosa
affection
31 Gennaio 2017
Dopo la decisione della Consulta, anche il Governo emana una circolare applicativa per permettere a due genitori consenzienti di trasmettere il doppio cognome al proprio bambino. Ora serve una legge specifica (e un cambio di mentalità)
Facebook Twitter More

Già a fine dicembre il caso della coppia italo-brasiliana aveva portato la Corte Costituzionale a esprimersi per dichiarare l'illegittimità dell'attribuzione automatica del cognome paterno, ma ora si è compiuto un ulteriore passo avanti.

 

Con la Circolare Applicativa n.1/2017 infatti, il Ministero dell'Interno ha dato ai Comuni le prime indicazioni di massima per permettere la trasmissione del doppio cognome (paterno e materno). Al momento però, ciò è permesso solo per bambini nati o adottati dopo la sentenza dei giudici.

Permane inoltre l'obbligo di richiesta e consenso condiviso da parte di entrambi i genitori: in mancanza d'accordo, il cognome trasmesso sarà solo quello paterno.

 

Serve una legge ad hoc

Le novità applicative però non bastano e i sostenitori della causa, i quali ora chiedono una legge strutturata che copra anche i molti punti lasciati scoperti dai recenti cambi di normativa. Quale cognome, ad esempio, verrà ereditato dall'eventuale nipote? Quale cognome deve essere indicato per primo nei documenti ufficiali? E se i due partner hanno entrambi un doppio cognome?

 

A quesiti simili dovrà rispondere la macchina statale, oltre a promuovere un cambio di mentalità visto che ora come ora per legge si può ancora impedire che un bambino, di fronte al diniego del padre, si veda negata la possibilità di ricevere il cognome materno.

 

Fai anche il sondaggio: doppio cognome ai figli, che cosa ne pensi?
 

FONTE: Ministero dell'Interno