Beatrice Vio

Bebe Vio e famiglia: tutti vaccinati contro la meningite

Di Irma Levanti
bebe_vio_vaccini_meningite
04 Gennaio 2017
Hanno iniziato l'anno in un centro vaccinale veneto la campionessa paralimpica Beatrice Vio e la sua famiglia, per ricevere la vaccinazione antimeningococco tetravalente (contro i ceppi ACWY). E a breve torneranno per quella contro il meningococco B. Perché i vaccini possono salvare la vita.
Facebook Twitter More

"Oggi il tetravalente e a breve faremo anche il B". Così Bebe Vio, la campionessa paralimpica di scherma, ha annunciato sulla sua pagina Facebook di essersi appena vaccinata, insieme alla sua famiglia, contro il temibile batterio responsabile della malattia.

 

Un post che in meno di due giorni ha raccolto oltre 25 mila like e 4600 condivisioni, per dire "Noi ci crediamo... #iomivaccino". Perché purtroppo, come ricorda la campionessa diciannovenne, "sta meningite prende a tutte le età". Così, insieme a lei si sono presentati al centro vaccinale di Monselice (Padova) anche il papà Ruggero, la mamma Teresa e i fratelli Nicolò e Sole.

 

"Non sono nessuno per obbligare qualcuno a vaccinarsi, non sono un medico né niente - ha spiegato Bebe - sono solo una persona che crede nei vaccini e desidero consigliare tutti a informarsi veramente sulla loro utilità, sui rischi e sui vantaggi su tutte le piattaforme, ma quelle vere, siti veri, non solo sui social, che non valgono niente. Sono stata qui oggi per portare le persone ad informarsi".

 

La campionessa è anche tornata a ripetere, come ha fatto più volte in passato che probabilmente sarebbe bastato un vaccino a salvarla dalla meningite. "Io adesso dico sempre che è tutto ok, che va tutto bene e che mi godo la vita lo stesso, ma mi ricordo quanto hanno sofferto i miei genitori quando ero in ospedale in gravi condizioni, so cosa si prova e cosa hanno provato. Per questo consiglio sempre di informarsi, seriamente, e di vaccinarsi".

 

Beatrice Vio, ormai per tutti Bebe, era stata colpita a 11 anni da una meningite da meningococco C che le aveva causato l'amputazione di gambe e avambracci e oggi è l'unica al mondo a tirare di fioretto con una protesi. È anche un testimonial particolarmente attivo nelle campagne a favore della vaccinazione contro la meningite, come dimostrano il post su Facebook e la partecipazione, qualche mese fa, all'iniziativa #WinForMeningitis della fotografa Anne Geddes.