dispositivi anti-abbandono

Dispositivi anti-abbandono: come dovranno essere

Di Sara Sirtori
seggiolino
09 Ottobre 2019
 Al via l'obbligo di installazione dei dispositivi anti-abbandono sui seggiolini auto. Non appena il decreto legge sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, l'obbligo di installazione sarà operativo. Ecco le caratteristiche che deve avere il dispositivo.
Facebook Twitter More
La legge salvabambini che fa scattare l’obbligo dei dispositivi anti-abbandono per i bambini sotti i 4 anni è realtà, anche se manca ancora la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
 
La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha firmato il decreto attuativo dell’articolo 172 del "Nuovo codice della strada", al fine di evitare l'abbandono di bambini nei veicoli.
 
 
Come deve essere il dispositivo anti-abbandono e quali caratteristiche deve avere?
Si tratta di un dispositivo di allarme costituito da uno o più elementi interconnessi, la cui funzione è quella di prevenire l'abbandono dei bambini di età inferiore ai 4 anni.

Il dispositivo anti-abbandono potrà essere integrato all'interno nel seggiolino, oppure potrà essere una dotazione di base o un accessorio del veicolo: nel primo caso il dispositivo è ricompreso nel fascicolo di omologazione del veicolo stesso. In caso contrario, costituisce un sistema indipendente dal seggiolino stesso e dal veicolo. 
 

Le caratteristiche funzionali essenziali previste dal decreto

 
Il dispositivo dovrà segnalare l'abbandono del minore mediante l'attivazione di un allarme che dovrà attirare l'attenzione del conducente attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all'interno o all'esterno del veicolo.
 
Il dispositivo, inoltre, dovrà attivarsi automaticamente ad ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente. In caso di presenza di batteria, dovrà essere sempre segnalata livelli bassi di carica rimanente.
 
Per chi non rispetterà la legge è prevista una sanzione amministrativa da 81 euro a 326 euro (pagamento entro 5 gg. euro 56,70) e la decurtazione di 5 punti dalla patente.