Ricerca

Neogenitori in carenza di sonno? Una consolazione (forse): lo sono anche i bombi

Di Sara De Giorgi
neogenitoridormono
04 Ottobre 2019
Secondo uno studio svolto dai ricercatori della "Hebrew University of Jerusalem" non sono solo i neogenitori ad avere una cronica carenza di sonno, ma anche i bombi (insetti impollinatori della famiglia delle Api) dormirebbero molto meno mentre covano le uova, anche se si tratta di prole che non è la loro.
Facebook Twitter More

Un fenomeno nell'ambito del quale la maggior parte dei neogenitori può ritrovarsi è la stanchezza cronica dovuta alla mancanza di sonno. Ma gli esseri umani non sono gli unici: tutti gli animali, compresi gli insetti, hanno bisogno di dormire.

Che cosa accade con la prole al seguito?

 

A indagare su ciò è stato il Professor Guy Bloch, con il team del Dipartimento di "Ecology, Evolution and Behaviour" della "Hebrew University" di Gerusalemme (HUJI), mediante uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology.

 

LEGGI ANCHE: Poppate infinite e sonno interrotto, come sopravvivere a un neonato

 

I ricercatori hanno studiato i bombi (insetti impollinatori della famiglia delle Api) mentre covano le uova e hanno scoperto che quelli che curano i piccoli dormono molto meno delle altre api, anche quando si prendono cura della prole che non è la loro.

 

Bloch ha affermato che il sonno degli insetti assomiglia molto al sonno delle persone e di altri animali. Smettono di muoversi, assumono la postura tipica del sonno e sono meno sensibili al rumore o al tatto.

 

In più, generalmente, si sa che se gli esseri umani, i roditori o gli insetti sono privati ​​del sonno, la loro salute e le loro prestazioni sono compromesse.

 

LEGGI ANCHE: Sonno, essere cullati fa dormire meglio e rinforza la memoria

 

Per scoprire come le attività quotidiane dei bombi influiscono sul modo in cui gli stessi dormono, i ricercatori hanno combinato registrazioni video, analisi comportamentali dettagliate, esperimenti di privazione del sonno e valutazioni della soglia di risposta.

 

Dallo studio è emerso che i bombi che covano i piccoli dormono molto meno degli altri: ciò avviene anche quando la covata non ha bisogno di essere nutrita e quando i piccoli non fanno parte della loro prole.

 

«Inoltre, dai vari esiti della ricerca è emerso che i bombi che covano hanno un meccanismo che consente loro di ridurre significativamente il sonno senza un costo per il loro cervello o per altri tessuti», ha spiegato il professore Bloch. «Questo, ovviamente, solleva la questione: occorre capire quali siano esattamente questi meccanismi».

 

In particolare, tutti i risultati ottenuti dall'indagine guidata dal prof. Bloch creano dubbi sul fatto che la perdita di sonno abbia veramente un costo in termini di salute o prestazioni cognitive per i neogenitori. Potrebbe davvero essere così?

 

TI PUO' INTERESSARE: Il neonato non dorme? Consigli per genitori stanchi

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: