Unicef

David Beckham contro la violenza sui bambini: i tatuaggi prendono vita

Di Niccolò De Rosa
beckham-video-unicef
07 Dicembre 2016
Testimonial Unicef per la lotta alla violenza sui minori, David Beckham è protagonista di un video che vuole aprirci gli occhi sulle tragiche situazioni di migliaia di ragazzi e ragazze in tutto il mondo
Facebook Twitter More

David Beckham, ex asso del calcio inglese e ambasciatore Unicef, ha molto preso a cuore il proprio ruolo in difesa dei diritti dei più piccoli, tanto da prestarsi per un video molto toccante contro la violenza sui minori.

 

Nello spot Unicef infatti, i tatuaggi sul corpo del campione prendono vita per mostrare le forme più comune di abuso e sevizie contro i giovani, dimostrando come certi traumi possano davvero segnare per sempre l'esistenza di un individuo.

 

«Quando ho lanciato 7, il mio Fondo personale in favore dell’UNICEF, mi sono impegnato a fare tutto il possibile per rendere il mondo un posto più sicuro per i bambini e per denunciare problematiche che stanno avendo un impatto devastante sulle loro vite - afferma Beckham in occasione della presentazione del video  - La violenza è una fra le peggiori piaghe; ogni 5 minuti, in qualche parte nel mondo, un bambino muore per cause violente, e milioni di altri rischiano di subire abusi fisici, psicologici e sessuali, che potrebbero distruggere per sempre la loro infanzia.»

 

U-Report

Per combattere concretamente tale crimine, Unicef e lo stesso Beckham hanno promosso anche l'iniziativa U-Report, uno strumento di messaggistica che permette ai ragazzi di denunciare problematiche che colpiscono le loro vite. Sono stati in più di 190.000 gli “U-Reporters”, che hanno risposto da 22 Stati diversi.

 

Due terzi di essi terzi hanno già dichiarato di aver subito personalmente abusi fisici o verbali o di conoscere una persona che ha vissuto un’esperienza di questo tipo. I responsabili principali? Polizia o altre forze dell’ordine, coetanei, genitori o chi si prende cura di un bambino, insegnanti.

Circa 80.000 U-Reporters hanno dato  inoltre suggerimenti su cosa potrebbe essere fatto per combattere la violenza nelle loro comunità.