Salute mamme

Epidurale, quando farla? Secondo uno studio, quando lo richiede la donna

spl-m554-243
27 Ottobre 2014
Il momento in cui si somministra l'epidurale non influisce né sul rischio di cesareo né su altri aspetti della nascita. Ecco perché il momento migliore per somministrare questa anestesia è quando la donna lo richiede, anche precocemente  durante il travaglio. È quanto emerge da uno studio pubblicato dal Cochrane Database of Systematic Reviews
 
Facebook Twitter More

Il momento in cui si somministra l'epidurale non influisce né sul rischio di cesareo né su altri aspetti della nascita. Lo afferma uno studio pubblicato dal Cochrane Database of Systematic Reviews, che conclude che il momento migliore per questa anestesia è “quando la donna lo richiede”. (Leggi anche Epidurale o non epidurale? 20 risposte per decidere)

 

I ricercatori del Duke-NUS Graduate Medical School, del Singapore Clinical Research Institute e del NUS Yong Loo Lin School of Medicine di Singapore, hanno confrontato nove studi precedenti, comparando gli effetti dell’epidurale praticata sia precocemente sia tardivamente durante il travaglio su 15.752 primipare (cioè donne al primo figlio): il risultato è stato che gli effetti nei due casi erano del tutto simili, nonostante la conclusione delle ricerche prese in esame suggerisse che il momento di somministrazione potesse influenzare la durata del travaglio aumentando il rischio di dover ricorrere al cesareo. (Epidurale, la faccio o no? Due opinioni a confronto)

 

Per gli studi esaminati, in un caso l’epidurale era stata praticata precocemente, cioè quando avevano una dilatazione inferiore a 5 centimetri, e nel secondo caso era stata praticata tardivamente, cioè quando la dilatazione era superiore ai 5 centimetri. E dal confronto dei due casi è emerso che le mamme alle quali l’epidurale era stata praticata prima non avevano subito né più né meno cesarei delle altre, che il momento di somministrazione non aveva influito sulla necessità di utilizzare assistenze al parto (come forcipe o ventosa), e che il tempo di travaglio era stato all’incirca lo stesso per tutte le donne esaminate. (Leggi anche Epidurale, esami da fare e quanto costa)

 

Non è stato invece possibile confermare che un’epidurale precoce possa ridurre il tempo di travaglio, poiché le variazioni negli studi presi in esame erano troppo ampie. Ad ogni modo, la conclusione dello studio è che “il momento giusto per praticare l’epidurale è quando la donna lo richiede ­– spiega l’autore principale della ricerca, Ban Leong Sng, vice primario del dipartimento di Anestesiologia femminile al KK Women's and Children's Hospital di Singapore – Se richiedono l’epidurale anche precocemente durante il travaglio, i riscontri che abbiamo ottenuto non indicano alcuna ragione per la quale il trattamento debba essere rifiutato”.

 

Vuoi conoscere l'opinione (e l'esperienza) di altre mamme? Entra nel forum su parto e post parto!