Fecondazione assistita

Eterologa: accordo delle Regioni sulle linee guida. Sarà gratuita o con ticket

fecondazioneeterologa
04 Settembre 2014
C'è un primo accordo delle Regioni sulle linee guida della fecondazione eterologa. Sarà gratuita o con ticket per le donne in età fertile. Limite d'età fissato: 43 anni.  I figli dovranno avere lo stesso colore della pelle dei genitori. Il documento prevede un limite massimo di dieci nati per ogni donatore.
Facebook Twitter More

E’ stato approvato ieri un documento tecnico per l’introduzione in Italia della fecondazione eterologa: il testo è stato varato dal tavolo costituito da tecnici del settore e funzionari regionali, con l’accordo preliminare di tutte le Regioni.

 

Oggi dovrebbe esserci il via libera nella conferenza Stato-Regini.

 

Tra i punti fissati nel documento:

 

  • potranno accedere al servizio gratuito le donne con meno di 43 anni, altrimenti pagano
  • i figli dovranno avere le stesse "caratteristiche fenotipiche" dei genitori: colore pelle, capelli e gruppo sanguigno
  • il donatore rimane anonimo e non potrà determinare più di 10 nascite

 

Chi può ricorrere alla fecondazione eterologa: donne con meno di 43 anni. Dovrà essere garantita la somiglianza tra donatore e futuri genitori

 

Potranno ricorrere alla fecondazione eterologa gratuita o con pagamento di un ticket le donne con meno di 43 anni d'età. Altrimenti la prestazione non sarà più né gratuita, né garantita dal Servizio sanitario nazionale. 

 

All'eterologa si potrà accedere quando viene "accertata una patologia irreversibile di sterilità o infertilità".

 

Il passaggio più delicato riguarda le "caratteristiche fenotipiche". I pazienti non potranno scegliere i gameti da impiantare. Il centro medico è però tenuto a garantire in modo ragionevole la somiglianza delle "principali caratteristiche fenotipiche del donatore e della coppia ricevente". Il riferimento è, si presume, a capelli, pelle e gruppo sanguigno. 

 

Il costo per ricorrere all'eterologa si aggirerà tra i 2.500 e i 3.200 euro e sarà a carico del Servizio sanitario regionale.

 

Non più di 10 nascite per donatore

 

La donazione dei gameti sarà gratuita e consentita ai maschi di età compresa tra i 18 e i 40 anni e alle femmine tra i 20 e i 35 anni. Un stesso donatore non potrà avere più di 10 nascite.

 

I donatori sono anonimi. I futuri genitori potranno solo sapere il gruppo sanguigno e l'età. Le regioni chiedono al Parlamento di decidere se in età adulta il nato da eterologa avrà diritto a risalire al genitore biologico.

 

La Toscana ha già la sua norma. Da oggi cominciano gli incontri al Careggi

 

Sono iniziati questa mattina gli incontri all'ospedale Careggi di Firenze per le 184 coppie in attesa della fecondazione eterologa. Per saperne di più, leggi l'articolo "Il Careggi di Firenze sarà il primo ospedale pubblico ad eseguire l'eterologa in Italia".