Social media

Foto di minori sui social: nel 2030 ci saranno molti furti d’identità online

Di Sara De Giorgi
social.600
22 maggio 2018
State pubblicando la foto di vostro figlio su Facebook? Forse è meglio pensarci due volte. La banca Barclays ha rivelato che entro il 2030 lo 'sharenting' sarà la causa dei due terzi dei furti d’identità realizzati online ai danni di persone giovani.

Spesso i genitori non resistono e pubblicano foto di figli minorenni sui social network, magari mentre sono immortalati insieme ad una festa o in ritratti di famiglia. Ciò però potrebbe avere un risvolto negativo per i giovani interessati.

 

Infatti, come riporta la Bbc, secondo la banca Barclays entro il 2030 lo 'sharenting', termine inglese che indica la condivisione di foto, sarà la causa dei due terzi dei furti d’identità realizzati online ai danni di persone giovani.

 

Leggi anche: Social network e strumenti web per i minori: un vademecum per i genitori

 

In che modo ciò avverrà? Semplicemente attraverso la pubblicazione di informazioni. Il primo giorno di scuola, ad esempio, può offrire indizi importanti su indirizzo e quartiere di residenza e anche soltanto la pubblicazione del nome del bambino può diventare un’informazione preziosa per tentare di accedere al conto in banca.

 

Inoltre, è difficile contenere il fenomeno. Infatti, da un sondaggio di Barclays è venuto fuori che il 75% dei genitori ha condiviso immagini dei figli svelando dettagli personali che potrebbero essere usati dai malviventi. In più, il 30% ha dichiarato di possedere almeno una password che contiene date significative e nomi della famiglia. Meglio quindi pensarci e non farsi prendere dall'istinto di pubblicare una bella foto.

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: