Mamme e calcio

Future mamme nel pre-partita di Udinese-Napoli. Scopo: riportare le famiglie allo stadio

Di Niccolò De Rosa
mamme_dacia_arena
04 Aprile 2016
Ieri, tante mamme in dolce attesa sono scese in campo nel pre-partita di Udinese-Napoli per promuovere l'ingresso delle famiglie negli stadi italiani.
Facebook Twitter More

Che cosa ci fanno 22 madri in dolce attesa in uno stadio prima di una partita?

Una nota casa automobilistica, sponsor dell'Udinese, ha fatto sfilare assieme ai calciatori nell'ingresso in campo, 22 madri in dolce attesa. Lo scopo? Promuovere lo stadio come un posto per famiglie!

 

Nonostante gli stereotipi, sono molte infatti le mamme "sportive" che però spesso scelgono di non seguire la loro passione calcistica a causa delle condizioni degli impianti sportivi nostrani: strutture fatiscenti, servizi sanitari pressoché inesistenti e, soprattutto, tanta, troppa, inciviltà latente.

 

Come riportare le famiglie sugli spalti

 

Per combattere la pericolosa tendenza a considerare lo stadio una zona franca dove poter dare sfogo ai più bassi istinti, Federazione calcistica e le varie società di club stanno lavorando su impianti e manifestazioni per poter riportare le famiglie sugli spalti, così da sostituire i beceri ululati che troppo spesso guastano lo spettacolo con la sana partecipazione di uomini, donne e bambini che vogliono semplicemente godersi una partita di calcio.

 

In quest'ottica ecco che ieri (3 aprile N.d.R) ha avuto luogo l'iniziativa conclusiva del Dacia Family Project, che, oltre a far entrare in campo le future mamme, ha permesso la raccolta di testimonianze e racconti riguardo il diventare genitori e non solo. (Leggi anche: bambini a scuola di calcio!)