Salute

Gb: sarà vietato fumare in auto in presenza di minori

autosigarette
17 Febbraio 2015
Dal primo ottobre 2015 in Inghilterra sarà vietato per legge il fumo in auto in presenza di minori. I trasgressori verranno puniti con una multa di 50 sterline (poco meno di 70 euro). In Italia una norma simile è stata trasmessa a Palazzo Chigi.
Facebook Twitter More

Dal primo ottobre in Inghilterra sarà vietato fumare in auto con bambini a bordo. A stabilirlo una risoluzione del Parlamento inglese, votata con 342 si e appena 74 no.

 

Questa legge ha lo scopo di proteggere i minori di 18 anni dagli effetti nocivi del fumo passivo (come il rischio di asma, bronchite e di meningite). Questa misura è stata supportata da 700 esperti, secondo i quali fumare in piccoli spazi chiusi (come un'automobile) peggiora i danni causati dal fumo passivo.

 

"Fumare una sola sigaretta in una macchina espone i bambini ad alti livelli di inquinanti atmosferici e di sostanze chimiche cancerogene come arsenico, formaldeide e catrame" spiega la professoressa Dame Sally Claire Davies, consulente governativa per la sanità pubblica inglese.

 

"Tre milioni di bambini e ragazzi sono esposti al fumo passivo in auto e ciò mette la loro salute a rischio - spiega invece il ministro della Salute pubblica, Jane Ellison - sappiamo che molti di loro si sentono in imbarazzo o hanno paura di chiedere agli adulti di smettere di fumare ed è per questo motivo che le norme sono un passo importante per proteggerli dai danni del fumo passivo".

 

I trasgressori verranno puniti con una multa di 50 sterline (poco meno di 70 euro). (Stop al fumo in gravidanza: leggi come)

 

In Italia si lavora a un decreto simile

 

Anche da noi il ministro della Salute Beatrice Lorenzin sta lavorando a un decreto simile che tuteli i minori dal fumo passivo in auto. Da tempo la Lorenzin sostiene la necessità di tale misura. Come lei stessa afferma, è indispensabile ''essendo ormai acclarati i danni da fumo passivo soprattutto tra i giovanissimi".

 

Secondo quando riporta Ansa.it La metà dei bambini in Italia è esposta al fumo passivo già al secondo anno di vita e il 38% dei piccoli ha un genitore che fuma in casa.

 

In Italia fuma in auto il 61% dei fumatori.

 

"La lotta contro il fumo è una priorità dell'Italia e dell'Europa - aggiunge Lorenzin - Forse ora anche quegli italiani che non avevano compreso la portata dell'intervento sul fumo passivo e la necessità di proteggere i nostri figli capiranno che è molto importante farlo adesso". (Leggi anche: I 10 consigli per dire addio alle sigarette)