Dal mondo

Gerri Wolfe, mamma di nove figli partorisce due gemelle con il taglio cesareo materno assistito

gerry
22 Gennaio 2015
Si chiamano Matilda e Violet, sono la decima e l’undicesima figlia di Gerri Wolfe, e sono nate in modo particolare: durante il cesareo, a estrarre materialmente dall’utero le gemelle è stata la mamma stessa, le cui mani sono state guidate dai chirurghi. Rispetto al cesareo normale, “ho potuto avere un contatto diretto, personale, con le mie figlie” ha detto la donna al Daily Mail
 
Facebook Twitter More

Una 41enne australiana, Gerri Wolfe, ha partorito due gemelle (che per lei sono il decimo e l’undicesimo figlio) con un parto cesareo. Ma ha preteso di essere lei stessa a estrarsele dal grembo, in quello che viene definito “taglio cesareo materno assistito”. Inizialmente i medici del John Hunter Hospital di Newcastle, nella regione australiana del Nuovo Galles del Sud, erano scettici, ma lei li ha convinti: “È il mio corpo, è il mio parto, è il mio bambino”, ha detto ai medici, mettendo fine alla discussione. (Leggi anche Parto cesareo: quando serve davvero)

 

Matilda e Violet | foto facebook

 

La donna ha quindi raccontato di essere stata “devastata” dalla notizia, datale alla 36esima settimana di gravidanza, che a causa di complicazioni sarebbe stato necessario sottoporla al taglio cesareo. “I miei altri parti con cesareo – ha spiegato al quotidiano britannico Daily Mail ­– sono stati così sterili, così chirurgici, così impersonali. I medici parlavano di quel che avevano fatto nel weekend senza nemmeno curarsi di me, stesa sul tavolo operatorio in attesa di quell’incredibile esperienza che è dare alla luce un figlio”. (Potrebbe interessarti Parto cesareo o parto naturale?)

 

 

Così, la 41enne ha deciso di tentare la strada del cesareo materno assistito, del quale aveva letto su internet: si tratta di un taglio cesareo normalissimo, e l’unica differenza è che a estrarre materialmente dall’utero il bebè è la mamma stessa, le cui mani vengono guidate dai chirurghi. E, dopo non poche insistenze, l’ha avuta vinta, e il 22 dicembre sono nate Matilda e Violet. “È stata un’esperienza molto più intima – ha quindi spiegato Gerri Wolfe – e ho potuto avere un contatto diretto, personale, con le mie figlie”. (Guarda anche Parto cesareo: come si fa e quali rischi comporta)

La famiglia al completo | foto facebook

 

 

Ti potrebbe interessare anche: