Musei

Giornata Internazionale dei Musei: ecco perché portarci un bambino

Di Sara De Giorgi
museibambini
14 Maggio 2019 | Aggiornato il 17 Maggio 2019
Il 18 maggio sarà celebrata la Giornata Internazionale dei Musei. La SIPPS ("Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale") ha invitato tutti i genitori d'Italia a portare i figli a mostre, musei, gallerie, sottolineando quanto sia importante che i bambini frequentino questi luoghi già da piccolissimi.
Facebook Twitter Google Plus More

Sabato 18 maggio sarà celebrata la "Giornata Internazionale dei Musei", al fine di voler sottolineare l'importanza dell'arte e della storia per la cultura. Per l'occasione la "Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale" (SIPPS) ha invitato tutti i genitori italiani a far visitare ai propri figli un museo, una pinacoteca o una galleria, ribadendo quanto sia importante che i bambini frequentino le sale museali fin da piccolissimi.

 

LEGGI PURE: Musei per bambini, i 10 più belli d'Italia

 

Infatti, spesso, nell'immaginario degli adulti, la visita al museo è ancora associata a una lezione noiosa e magari difficile da seguire. Oggi occorre prendere atto che non è così e che, inoltre, la concezione di museo è completamente cambiata.

 

I musei infatti:

  • stimolano la fantasia
  • fanno sentire viva la storia
  • aiutano a comprendere lo stile di vita, la sofferenza e le disillusioni degli antenati
  • sensibilizzano al rispetto del nostro patrimonio culturale, artistico e ambientale
  • sono un momento unico da dedicare alla consapevolezza di noi stessi

Il dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente SIPPS, ha affermato: «Da semplice e polverosa esposizione di reperti recuperati dalla memoria dei tempi il museo è diventato un sottile e forte tramite non solo con il passato ma anche e soprattutto con il presente e il futuro».

 

TI PUO' INTERESSARE: Al museo senza noia con i bimbi

 

Secondo l'esperto è infatti opportuno far scoprire ai piccoli molto presto i musei poiché questi ultimi sono in grado di stimolare la fantasia e di far sentire viva la storia e aiutano a comprendere lo stile di vita, la sofferenza e le disillusioni dei nostri antenati. Infine, le strutture museali sensibilizzano anche al rispetto del nostro patrimonio culturale, artistico e ambientale.

 

Il dott. Piercarlo Salari, pediatra responsabile del Gruppo di lavoro per il sostegno alla genitorialità della SIPPS, ha detto che il museo è un «terreno fertile che invita ciascuno a preservare e coltivare i valori fondanti la civiltà e a prendere consapevolezza del cammino che ci ha portato fino a oggi. Il museo dovrebbe essere proposto dai genitori come un momento unico da dedicare alla scoperta di noi stessi, all’apprendimento originale e interattivo delle nostre radici e alla conoscenza di tutto ciò che merita il nostro rispetto incondizionato».

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: