News

"Gli ultimi istanti in vita di mio figlio Riley morto di pertosse". Genitori postano un video per incoraggiare le vaccinazioni

rileypertosse
18 Gennaio 2016
Un mese di vita. Riley è morto da piccolissimo per colpa della pertosse. I genitori Catherine e Greg Hughes hanno voluto lanciare un appello per incitare alle vaccinazioni in gravidanza. E hanno condiviso su Facebook un video con Riley. Riprese fatte da mamma Chaterine degli ultimi giorni di vita del suo piccolo.
Facebook Twitter More

Chaterine e Greg Huges, genitori di un bimbo di appena un mese, Riley, morto lo scorso marzo per colpa della pertosse, hanno condiviso un Facebook un video commovente degli ultimi giorni del proprio piccolo. Lo scopo?  Poter incoraggiare tutti i genitori a vaccinarsi per evitare di far contrarre ai loro neonati una malattia potenzialmente pericolosa.

 

(Avviso ai lettori: le immagini del video potrebbero urtare la vostra sensibilità)

 
The cough that killed Riley Hughes

*Warning - contains content that some may find distressing*These are the final videos of our beautiful son Riley who passed away from whooping cough on the 17th of March, 2015.I have always kept these videos to myself, as it makes my blood run cold listening to my beautiful boy cough like that. But we are sharing this in the hopes that it will convince just one more pregnant Mum to protect their baby from this disease. I wish I had known about pregnancy vaccination when I was pregnant with Riley.In the beginning, Riley didn't have a "whoop" sound in his cough, but it certainly developed once he was in hospital. If your newborn baby has a cough, and is too young to be vaccinated, please get them checked out by a doctor! Early intervention CAN help.I loved being Riley's Mum for those four weeks. I wish it were longer. Please share to help ensure no more babies die from this disease, which I hope one day will be relegated to the history books.- Riley's Mum x

Posted by Light for Riley on Mercoledì 6 gennaio 2016

“Ho fatto questo video per me stessa, anche se sentire il mio bellissimo bambino tossire in questo modo mi terrorizzava", ha detto la  mamma Chaterine commentando il video postato sulla pagina dedicata a suo figlio "Light for Riley" (“Luce per Riley”).

 

"Stiamo facendo tutto questo per convincere le mamme incinte a proteggere i loro bambini da questa terribile malattia. Avrei voluto sapere in gravidanza della possibilità del vaccino contro la pertosse”.

 

Al The Guardian Australia la donna ha dichiarato di voler fermare per sempre le morti premature per pertosse: “Voglio davvero che le persone siano a conoscenza del fatto che la vaccinazione durante la gravidanza può ridurre i rischi della malattia al minimo per i neonati, salvandoli addirittura per il resto della loro vita. E’ così importante proteggere i nostri bambini già prima della loro nascita. L’immunità è un dono prezioso ed è doveroso offrirlo ai nostri figli"

 

La pertosse è un'infezione provocata dal batterio Bordetella Pertussis, che ogni anno causa nel mondo circa 16 milioni di casi e 195.000 morti infantili. L’infezione può essere inapparente, ma anche estremamente grave, specie quando il paziente è un lattante.

Si caratterizza per una tosse persistente di lunga durata, accompagnata da febbre e copiose secrezioni nasali. Dopo circa 1 o 2 settimane questo stadio evolve, la tosse diventa convulsa e si associa a difficoltà respiratore.
L’infezione può interessare diversi gruppi di età, ma i bimbi piccoli al di sotto dei sei mesi di vita, che non possono ancora essere vaccinati completamente, rappresentano la fascia di età più a rischio per le complicazioni.

Per il lattante, la vaccinazione DPTa è contenuta nel vaccino esavalente, che protegge in tutto da sei malattie (pertosse, difterite, tetano, poliomielite, epatite B e infezioni da Haemophilus influenzae di tipo B).

L'attuale calendario vaccinale prevede tre dosi di DTPa (con esavalente) rispettivamente a tre mesi, cinque mesi e tra 11 e 13 mesi di vita. Sono inoltre previsti due richiami in età pediatrica con solo DTPa (eventualmente associato a vaccino per poliomielite) a sei anni e a 14 anni. Infine, negli adulti si consiglia un richiamo per difterite-tetano-pertosse ogni 10 anni.

Le strategie proposte dalla Global Pertussis Initiative, un gruppo internazionale di esperti in materia, e riprese anche anche dal Position paper dell'Organizzazione mondiale della sanità, sono due: la vaccinazione delle mamme in attesa nell'ultimo trimestre di gravidanza e il cocooning
Approfondisci su: vaccino per la pertosse, risposte ai dubbi più frequenti