Nostrofiglio

Psicologia e smartphone

Il tempo trascorso davanti agli schermi influisce sul cervello dei bambini

Di Sara De Giorgi
smartphone1

14 Dicembre 2018
Secondo una ricerca americana i bimbi che trascorrono dinanzi a schermi digitali più di 7 ore al dì mostrerebbero cambiamenti a livello cerebrale: ci sarebbe, infatti, un assottigliamento prematuro della corteccia. Ma passeranno decenni prima che gli scienziati capiscano davvero come gli smartphone e le altre tecnologie influenzano il cervello.

Facebook Twitter Google Plus More

Secondo uno studio recente i bambini che passano davanti a schermi digitali più di 7 ore al giorno mostrerebbero cambiamenti a livello cerebrale: si tratterebbe, in particolare, di un assottigliamento prematuro della corteccia. Ma devono trascorrere anche decenni prima che gli scienziati comprendano davvero come gli smartphone e le altre tecnologie influenzano il cervello.

 

Ad intraprendere lo studio è stato il National Institutes of Health, che ha recentemente messo in atto una ricerca di 300 milioni di dollari per esaminare gli effetti del tempo trascorso sullo schermo sullo sviluppo del cervello.

 

LEGGI PURE: Smartphone bambini, consigli per un uso intelligente e creativo

 

Il tempo trascorso sullo schermo influisce sul cervello in via di sviluppo dei bambini piccoli

 

L'organizzazione National Institutes of Health (Stati Uniti) sta adoperando alcune scansioni MRI (Magnetic Resonance Imaging, ossia la risonanza magnetica) per esaminare i cambiamenti nella struttura del cervello tra i bambini che usano smartphone e altri dispositivi digitali.

 

I primi risultati dello studio portato avanti dai ricercatori sono stati evidenziati dal magazine americano CBS News: dai test della ricerca svolti su 4.500 ragazzi fra i 9 e i 10 anni di età, è venuto fuori che i bimbi che hanno trascorso più di due ore al giorno davanti a schermi digitali hanno ottenuto punteggi più bassi in termini di lingua e di pensiero.

 

In particolare, è emerso che i bambini che hanno passato più di sette ore al giorno dinanzi a dispositivi elettronici, hanno manifestato, invece, un assottigliamento prematuro della corteccia cerebrale, che la dottoressa Gaya Dowling del National Institutes of Health ha descritto come un "processo di maturazione", il quale di solito avviene più tardi nello sviluppo.

 

"Non sappiamo se è causato dal tempo passato davanti allo schermo", ha detto la Dowling. "Non sappiamo neanche se sia un male, non lo sapremo fino a quando non li seguiremo nel tempo, per capire quali sono gli esiti associati".

 

Infatti, ci vorranno alcuni anni per ottenere risposte ad alcune delle domande sollevate dallo studio. I risultati più interessanti probabilmente arriveranno tra decenni, quando i ricercatori potranno capire gli effetti a lungo termine dell'uso della tecnologia sul cervello.

 

TI PUO' INTERESSARE: Bambini e uso precoce di smartphone e tablet, 10 raccomandazioni e rischi

 

Preoccupazione per  i risultati della ricerca legati all'uso eccessivo degli smartphone

 

Il dottor Dimitri Christakis del Seattle Children's Hospital, autore principale delle più recenti linee guida dell'American Academy of Pediatrics, ha detto alla Cbs di essere preoccupato per questa "incertezza".

 

«Per molti aspetti, la preoccupazione che i ricercatori come me hanno è che siamo nel bel mezzo di un genere di esperimento incontrollato sulla prossima generazione di bambini», ha detto Christakis.

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: