Scuola

Impegno a scuola: i ragazzi italiani tra i più stressati d'Europa

Di Niccolò De Rosa
studente-in-crisi
30 Marzo 2016
Le stime dell'OMS riportano un generale disamore dei ragazzi italiani verso l'istituzione scolastica: troppe aspettative e pochi stimoli potrebbero essere tra le cause di questo malcontento.
Facebook Twitter More

Nel resoconto quadriennale redatto dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) in merito allo stato psicofisico dei giovani europei, una voce tratta nel dettaglio il rapporto con l'ambiente scolastico e per l'Italia le note si fanno dolenti.

 

I numeri del malcontento dei ragazzi

 

Secondo lo studio condotto nel 2013-2014 su un campione di ragazzi di 11, 13 e 15 anni, soltanto il 26% delle undicenni italiane e il 17% dei colleghi maschi dichiara che la scuola "piace un sacco", con un ulteriore calo di consenso  nella fascia dei 15 anni, dove il dato scende rispettivamente a 10% e 8%.

Meno entusiasti degli italiani sono solo estoni, greci e belgi, con lo scoraggiante primato che spetta agli adolescenti armeni (68% e 48%).

 

Per quanto concerne il rendimento, il 39% dei ragazzi riporta prestazioni 'buone o eccellenti', valore piuttosto inferiore alla media europea (peggio solo Belgio, Portogallo e Ungheria).

 

In generale, il problema maggiormente sentito dai giovani studenti riguarda la forte pressione cui sono sottoposti, tanto che il 72% delle quindicenni e il 51% dei ragazzi di pari età accusa problemi legati allo stress.

 

Cause di tanta pressione?

Secondo i dati sono da ricercare nel rapporto tra rendimento scolastico e famiglia (aspettative troppo alte, incomprensioni con i professori..), nel mancato supporto tra compagni di classe e la quantità di impegno richiesto da parte dei docenti.

 

PAROLA ALL'ESPERTO


Nel commentare le cifre poco incoraggianti della ricerca, il curatore della parte italiana dello studio, Franco Cavallo, si è mostrato preoccupato riguardo la crescente insoddisfazione verso un ambiente che occupa gran parte del tempo di un adolescente:

«Non è da sottovalutare questa pressione che viene sentita dal ragazzo. La sensazione è che sia generalizzata per tutti i tipi di scuola, e che sia legata soprattutto alla richiesta in termini di impegno, di ore di lavoro, all'ottenimento di determinati voti. Probabilmente vanno ritarati i programmi, che sono ancora legati alle superiori di una volta che selezionavano molto».

Fonte: Ansa.it, Ufficio europeo Oms