Baby Hotel

Parto a cinque stelle: in Israele boom di hotel per neo-genitori

Di Niccolò De Rosa
wellness-massaggio
28 Marzo 2017
Piccoli alberghi di lusso direttamente collegati con la sala parto e pronti ad accogliere la nuova famiglia per avvolgerla di coccole ed attenzioni: in questi hotel si combinano i confort di un resort con le cure di una nursery
Facebook Twitter More

Il parto è un momento di estremo stress fisico e mentale e in molti si stanno accorgendo di come l'offerta di servizi per rendere il più confortevole possibile questa delicate fase possa rivelarsi essere una vera miniera d'oro per gli affari.

 

In Israele se ne sono accorti eccome e negli ultimi anni si è registrato un autentico boom del business degli hotel per neo-genitori.

 

Di cosa si tratta?

Tali alberghi altro non sono che Boutique Hotel di lusso direttamente collegati all'ospedale in cui avviene il parto. Una volta nato il bimbo dunque, la nuova madre viene spedita in una comoda camera ad essere assistita non solo da camerieri e facchini, ma anche da un selezionato staff medico che tiene sotto costante osservazione la salute del genitore e del bebè appena venuto al mondo. [Leggi anche: sala travaglio, che cosa è e che cosa portare]

Le ospiti possono così riprendersi dalle fatiche del parto in un ambiente molto meno "freddo" rispetto alle corsie di un ospedale e usufruire di personale pronto a soddisfare qualsiasi bisogno.

 

Fulgido esempio di questa nuova (e redditizia) attività è il Baby Lis Hotel di Tel Aviv. Qui una madre può prenotare una stanza già 60 giorni prima del parto (come ovvio orari e programmi sono molto più elastici rispetto ad un normale resort), godersi un caffè mentre il piccolo si riposa e partecipare a corsi di allattamento gestiti direttamente dagli operatori della struttura.

 

Il costo? Come quello di hotel extra-lusso. In molti casi ci sia aggira attorno ai 400 euro al giorno, ma, elemento interessante, spesso queste spese esorbitanti vengono coperte in buona parte dall'assicurazione sanitaria.