Influenza

Influenza 2018/2019: siamo al picco

Di Irma Levanti
influenza
08 Febbraio 2019
La stagione è partita in sordina, ma con un'impennata di casi dopo Capodanno si conferma ad “alta intensità”: come sempre, i più colpiti sono i bambini sotto i cinque anni
Facebook Twitter Google Plus More

Ci siamo: con 832mila italiani messi a letto dall'influenza nella settimana dal 28 gennaio al 3 febbraio (dati dell'ultimo bollettino disponibile dell'Istituto superiore di sanità), la malattia ha probabilmente raggiunto il suo picco stagionale. Dall'inizio della stagione sono stati poco meno di 4,5 milioni gli italiani colpiti.

 

La stagione influenzale in corso è partita in sordina, con un'incidenza della malattia che è rimasta relativamente bassa fino allo scorso dicembre, mentre con l'inizio del nuovo anno l'attività virale ha cominciato a intensificarsi. In questo momento siamo a circa 14 casi per mille assistiti, il che significa che si tratta di una stagione di alta intensità.

 

“In linea con i dati degli ultimi anni, anche quest'anno l'influenza ha interessato soprattutto le età pediatriche. E per i bambini sotto i cinque anni l'incidenza ha superato quella della stagione 2017/18” ha commentato sul sito di Epicentro Antonino Bella, del dipartimento di malattie infettive dell'Iss.

 

Per quanto riguarda la tipologia dei virus coinvolti, si tratta prevalentemente – oltre il 99% - di virus di tipo A, con il 57% di virus A H1N1 e il 33% di virus A H3N2.

 

Dall'inizio della stagione sono stati segnalati 282 casi gravi di influenza (tra cui 52 decessi), in linea con quanto atteso per una stagione con queste caratteristiche. Il 76% di questi casi gravi ha più di 50 anni. Inoltre, l’80% dei casi gravi e l’85% dei decessi di influenza presentano almeno una malattia cronica preesistente.