Galleria fotografica

#iosonogiulio: la solidarietà del web per il ragazzino autistico escluso dalla gita scolastica

18 Aprile 2016
Livorno. Una classe in gita scolastica. E Giulio, ragazzino autistico di 14 anni, escluso dalla giornata e avvisato dall'insegnante di sostegno solo mezz'ora prima. In questi giorni il web e i social si sono mobilitati per dare solidarietà a Giulio e alla sua famiglia pubblicato foto con l'hashtag #iosonogiulio.
Facebook Twitter Google Plus More
iosonogiulio3

“Mi chiamo Giulio, ho 14 anni, sono affetto da autismo, ma sono anche "altro"!!! La mia classe oggi è in gita; io no! Nessuno ha avvertito la mia famiglia, quindi sono andato a scuola e mi sono trovato da solo. Peccato mi sarebbe piaciuto molto passare una giornata all'aria aperta, in pulman, mi piace molto il pulman. Però "qualcuno" ha ritenuto che non era adatta a me questa giornata. Ci sono rimasto molto male ma non potendo esprirmi a parole sembra che a quel "qualcuno" non importi. Che faccio, ringrazio "qualcuno" per avermi risparmiato da una serie di emozioni bellissime che avrei potuto provare, oggi, in gita con i miei compagni all'aria aperta?"

Questo il messaggio pubblicato sulla pagina Facebook dell'associazione Autismo Livorno Onlus. Il messaggio è di Giulio, ragazzino autistico di 14 anni rimasto a casa dalla gita scolastica la scorsa settimana. La sua classe è infatti partita lasciandolo con l'insegnante di sostegno.

iosonogiulio

Come riporta in un'intervista "Il fatto quotidiano: "Erano tutti in gita – dice la mamma al FattoQuotidiano.it – ma noi non ne sapevamo nulla. O meglio, ce lo ha detto l’insegnante di sostegno solo mezz’ora prima che Giulio arrivasse a scuola”. La scuola si difende parlando di un semplice difetto di comunicazione e aggiunge che “per Giulio stiamo dando tutto”.

E' la terza gita scolastica per la classe: alle prime due, su decisione dei genitori, Giulio non aveva partecipato. E' stato dato per scontato che il ragazzo non partecipasse neppure alla terza. I genitori continuano: “Non c’è malafede, ma non ci hanno coinvolto”.

iosonogiulio4

Il web intanto non ci sta e sono subito comparsi sui social network foto e scritte con l'hashtag #iosonogiulio. L'iniziativa è partita da un amico della famiglia: “Anche lui – spiega la madre di Giulio – ha un figlio autistico: ha lanciato quest’iniziativa dopo aver sentito la nostra storia”.

iosonogiulio7

Il caso di Giulio non è però isolato. Stessa sorte per Luigi, ragazzino autistico di Isernia di 15 anni, che frequenta la Media di Pozzilli, lasciato da solo in classe senza avvisi mentre i compagni erano in gita scolastica. A denunciare l'accaduto è stato il padre del ragazzo, Mauro Cantile.

iosonogiulio2

iosonogiulio5

iosonogiulio6

iosonogiulio7

iosonogiulio8

iosonogiulio9

iosonogiulio10

iosonogiulio11

iosonogiulio12

“Mi chiamo Giulio, ho 14 anni, sono affetto da autismo, ma sono anche "altro"!!! La mia classe oggi è in gita; io no! Nessuno ha avvertito la mia famiglia, quindi sono andato a scuola e mi sono trovato da solo. Peccato mi sarebbe piaciuto molto passare una giornata all'aria aperta, in pulman, mi piace molto il pulman. Però "qualcuno" ha ritenuto che non era adatta a me questa giornata. Ci sono rimasto molto male ma non potendo esprirmi a parole sembra che a quel "qualcuno" non importi. Che faccio, ringrazio "qualcuno" per avermi risparmiato da una serie di emozioni bellissime che avrei potuto provare, oggi, in gita con i miei compagni all'aria aperta?"

Questo il messaggio pubblicato sulla pagina Facebook dell'associazione Autismo Livorno Onlus. Il messaggio è di Giulio, ragazzino autistico di 14 anni rimasto a casa dalla gita scolastica la scorsa settimana. La sua classe è infatti partita lasciandolo con l'insegnante di sostegno.
Facebook Twitter Google Plus More