baby box

La baby box sbarca anche in America

Di Niccolò De Rosa
babyboxfinlandia
14 Marzo 2017
L'idea nata negli anni '30 in Finlandia sta prendendo sempre più piede e ora anche negli States 105.000 baby box aiuteranno i neo-genitori a prendersi cura dei loro piccoli
Facebook Twitter More

Finlandia, Sudafrica, Zambia, Colombia, Scozia e ora anche Stati Uniti: la Baby Box è ormai un fenomeno planetario.

 

Nata nella Finlandia degli anni '30, povera e ancora piuttosto rurale, la Baby Box si è imposta come parte integrante dell'essere genitore non tanto per ciò che contiene (un corredino basico per i primi mesi del piccolo), ma per il valore educativo di efficienza ed essenzialità che trasmette ai nuovi genitori.

[Leggi anche: ecco perché i bambini finlandesi dormono in una scatola di cartone]

 

La baby box infatti fornisce semplicemente pannolini, biberon, prodotti per la pulizia e qualche vestitino (l'essenziale appunto), come a voler togliere tutto ciò di cui non vi è effettivamente bisogno, a partire dalla culla, che può essere sostituita dalla stessa scatola una volta che ne è stato spostato il contenuto (scelta più sicura rispetto al tenere il bebè in un lettino pieno di giochi e peluche). E i numeri premiano tale filosofia: ovunque è comparsa, la baby box ha abbassato il tasso di mortalità infantile.

Ma perché questa inversione di tendenza? "I neonati dormivano nello stesso letto con i genitori e abbiamo raccomandato loro di non farlo più", dichiara Panu Pulma, professore di storia nordica e finlandese all'Università di Helsinki. "I genitori hanno usato la scatola di cartone con il materasso come una culla, facendo dormire così separati i neonati da mamma e papà". (Leggi anche sids, tutto quello da sapere sulla morte in culla)

 

 

L'American Box!

Adesso la Baby Box ed il suo approccio minimal sbarcheranno negli States.

 

Si comincia con il New Jersey (ma presto arriveranno anche in Ohio), dove 105.000 baby box sono pronte ad essere distribuite (a pagamento, a differenza di quanto avviene in Finlandia) ad altrettante famiglie registrate al programma della Baby Box University.

 

 

Leggi anche: la baby box sbarca anche in Italia