News

Le primogenite rischiano di essere più in sovrappeso rispetto alle sorelle

bambiniatavola
02 Novembre 2015
Le primogenite sarebbero più inclini in età adulta ad ingrassare e ad avere problemi di obesità. All’origine del problema potrebbe esserci l’apporto nutritivo durante la gestazione: nelle primipare i vasi sanguigni della placenta sono più stretti. Questo comporterebbe un minor afflusso di nutrienti al piccolo. Che compenserebbe da adulto.
Facebook Twitter More

Per una volta, ad essere svantaggiati, secondo una recente ricerca, sarebbero proprio i primogeniti. Sarebbero infatti più esposti ai chili di troppo rispetto ai fratelli minori. Avrebbero un BMI (indice di massa corporeo) più alto e rischierebbero di essere più in sovrappeso e obesi da adulti. 

 

Questo è l'esito di una ricerca condotta su coppie di sorelle di sesso femminile dall'Università di Auckland. 

 

Gli autori, nel lavoro pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, hanno valutato il diverso impatto sul fenotipo dato dall’ordine di nascita all’interno di una stessa famiglia e hanno analizzato i dati di 20 anni di vita di oltre 13000 coppie di sorelle svedesi. 

 

Più magre alla nascita, recuperano dopo

 

Dallo studio è emerso che se alla nascita le primogenite si sono rivelate di poco più magre rispetto alle sorelle, dopo si ha la svolta: il sorpasso avviene nell'età adulta. Le primogenite raggiungono un indice di massa corporea superiore di oltre due punti percentuali rispetto alle sorelle. Ma non solo: i ricercatori hanno pure stimato una probabilità più alta di essere in sovrappeso (+29%) e obese (+ 40%) rispetto alle secondogenite.

 

Più in sovrappeso, ma perché?

 

Ma come mai le primogenite rischierebbero di prendere più chili? Una delle supposizioni riguarda il diverso afflusso di sangue dalla placenta al nascituro, tra una prima gravidanza e le successive. Come spiega spiega Wayne Cutfield, docente di endocrinologia pediatrica all’Università di Auckland e autore della ricerca: "Nelle primipare i vasi sanguigni della placenta sono più stretti. Questo comporta un minor afflusso di nutrienti durante la gestazione, cui il primogenito 'sopperisce' in età adulta accumulando più grasso e rendendo meno efficace l’azione dell’insulina".

 

La consolazione delle primogenite? Sono in media, poco più alte (e forse, più intelligenti)

 

Raggiungeranno anche un BMI più alto, ma anche sono lievemente più alte, in media. Dallo studio è emerso che le primogenite sono più alte rispetto alle secondogenite di circa 1,2 millimetri. (Per approfondire: primogeniti più intelligenti?)

 

Fonte: Journal of Epidemiology and Community Health e Università di Auckland