Prevenzione obesità

Più gioco, meno tempo da seduti e tanto riposo: le indicazioni Oms per crescere bene

Di Valentina Murelli
attivita_fisica_bambini
26 Aprile 2019
Obesità e sedentarietà spesso affondano le radici in cattive abitudini apprese fin da piccolissimi. Per contrastarle, l'Organizzazione mondiale della sanità lancia nuove Linee guida sull'attività fisica, i comportamenti sedentari e il sonno per i bambini fino a cinque anni.
Facebook Twitter More

La ricetta per crescere sani e in forma? Meno tempo bloccati in passeggini e seggioloni e seduti davanti alla tv o altri schermi e più tempo per giochi attivi, insieme a un sonno adeguato. Ingredienti tutto sommato alla portata di tutti, che l'Organizzazione mondiale della sanità mette nero su bianco nelle sue nuove Linee guida sull'attività fisica, i comportamenti sedentari e il sonno per i bambini dalla nascita ai cinque anni.

 

L'obiettivo è semplice: promuovere la salute fisica e mentale dei bambini, con ricadute positive che si sentiranno per tutta la vita. Perché un bambino attivo e in forma ha meno probabilità di diventare un adulto sedentario e obeso, cioè a rischio di di gravi malattie cardiovascolari. Lo dice chiaramente la dottoressa Fiona Bull dell'Oms: “Migliorare livello e qualità di attività fisica, assicurare un riposo adeguato e ridurre la sedentarietà nei bambini sotto i cinque anni migliorerà il loro benessere e la loro salute, prevenendo l'obesità infantile e il rischio di eventuali malattie associate in futuro a questa condizione”.

 

E aggiunge Juana Willumsen, che all'Oms si occupa proprio di obesità infantile, che quello che occorre fare è semplicemente restituire ai bambini la possibilità di giocare e di farlo attivamente.

 

Dunque via per i bambini così piccoli quasi tutto il tempo passato davanti alla tv, a un tablet, a una playstation, a favore della possibilità di esplorare l'ambiente fin da piccolissimi (quando cominciano a muoversi sul pavimento) e di giocare in modo attivo, anche all'aperto (anche quando fa freddo!). Attenzione, invece, a non tagliare il tempo sedentario di qualità: quello che si passa con mamma e papà leggendo, cantando, risolvendo puzzle.

 

 

Il tutto senza dimenticare che al bambino dovrebbe essere garantito un certo numero di ore di sonno di qualità. Perché anche riposare bene fin da piccoli è fondamentale per la costruzione della salute.

 

Vediamo allora tutte le indicazioni quantitative delle nuove linee guida Oms.

 

Sonno dei bambini: quanto devono dormire, età per età

Dalla nascita a 3 mesi
L'ideale sono 14-17 ore al giorno di sonno di qualità (compresi i pisolini diurni).

 

Da 4 mesi a 1 anno
L'ideale sono 12-16 ore al giorno di sonno di qualità (compresi i pisolini diurni).

 

Da 1 a 2 anni
L'ideale sono 11-14 ore al giorno di sonno di qualità (compresi i pisolini diurni). Importante anche la regolarità.

 

Da 3 a 4 anni
L'ideale sono 10-13 ore al giorno di sonno di qualità (che possono comprendere un pisolino diurno). Importante anche la regolarità.

 

Attività fisica: quanta devono farne, età per età

Dalla nascita a 1 anno
L'indicazione è quella di essere fisicamente attivi diverse volte al giorno, anche in modi differenti e in particolare tramite giochi interattivi da fare sul pavimento: più sono, meglio è dice l'Oms.

 

Per i bambini che ancora non si muovono, servono almeno 30 minuti al giorno – distribuiti durante la giornata – da passare in posizione prona (sulla pancia).

 

 

Da 1 a 2 anni
Almeno 3 ore al giorno da passare in varie attività fisiche, di differente intensità (da moderata a intensa). Anche in questo caso: più tempo si passa giocando attivamente, meglio è.

 

Da 3 a 4 anni
Almeno 3 ore al giorno
da passare in varie attività fisiche di differente intensità, di cui almeno 60 minuti dedicati ad attività di maggiore intensità.

 


Tempo seduti e davanti a uno schermo

Dalla nascita a 1 anno
Non più di un'ora al giorno in passeggini, seggioloni o fasce.
Niente tv o tablet.
 
Da 1 a 2 anni
Non più di un'ora al giorno in passeggini, seggioloni o fasce.
Niente tv o tablet. Solo a partire dai due anni via libera agli schermi, ma non più di un'ora al giorno (anzi: meno è meglio).

 

Da 3 a 4 anni
Non più di un'ora
al giorno in passeggino.
Non più di un'ora al giorno davanti a tv, tablet o altri schermi.